195 - 25 - Theseus et minotaurus - Lingua Latina per se Illustrata

Versione originale in latino


Testo latino assente.

Traduzione all'italiano


Sira, dopo aver narrato le cose fatte di Marco, vuole andare via, ma Quinto dice:”Non mi lasciare!Voglio che tu rimanga qui. Narrami un'altra storia!”
Sira:”Che storia vuoi che ti racconti?La storia del lupo e dell’agnello che per caso andarono allo stesso fiume?O la storia del ragazzo che desiderò governare i cavalli che trasportano il carro del Sole per il cielo?”
Mentre Quinto tace, Sira continua:”O desideri ascoltare la storia di Achille, comandante dei Greci, che uccise Ettore, comandante dei Troiani, e trasportò il suo corpo morto dietro il carro intorno alle mura della città di Troia?O la storia di Romolo, che edificò le prime mura romane...?
Quinto:”...e uccise il fratello Remo perché derideva le mura basse!Ho ascoltato spesso tutte queste storie. Ma ora non desidero ascoltare storie né di uomini né di bestie. Raccontami una storia di qualche mostro feroce, che ha testa di bestia e corpo di uomo e che divora gli uomini vivi!Desidero ascoltare una tale storia”
Sira:”Ma ti terrorizzerà un tale mostro, Quinto”
Quinto:”Non pensare che io sia un ragazzo timido!Non si addice il timore dei mostri ad un ragazzo romano!”
“Ti narrerò la storia di Teseo e il Minotauro” dice Sira e così inizia a raccontare:”Una volta nell’isola di Creta viveva un mostro terribile, dal nome Minotauro, che aveva testa di toro e corpo di uomo. Il Minotauro abitava in un gran labirinto.”
Quinto:”Che cosa è un labirinto?”
Sira:”E’ un grande edificio che è diviso in più parti da frequenti mura. Nessuno che entra una volta in un tal edificio può di nuovo uscire da lì, sebbene la porta sia aperta. Quel labirinto nel quale il Minotauro era tenuto rinchiuso, era stato costruito da Dedalo, un uomo Ateniese, che già prima di venire dalla città di Atene a Creta, aveva fatto molte mirabili cose. Il Minotauro non mangiava niente tranne gli uomini vivi. E così ogni anno da Atene a Creta erano mandati molti giovani e vergini, che tutti erano divorati da quel ferocissimo mostro nel labirinto. La nave con la quale gli Ateniesi erano trasportati là portava le vele nere, infatti da quel colore si indica la morte.”
Quinto:”Per quale motivo gli Ateniesi erano mandati ad una morte certa?”
Sira:”Il re Minosse, che allora regnava a Creta, pochi anni prima aveva espugnato la città di Atene con la guerra. Dopo la vittoria della città Minosse, desideroso di oro e sangue, aveva chiesto non solo molto denaro, ma anche uomini vivi dagli Ateniesi. Infatti il re voleva male agli Ateniesi, poiché suo figlio era stato ucciso poco prima da quelli. In quel periodo Teseo, un uomo amante della patria e desideroso di gloria, viveva ad Atene e quello poco fa era venuto ad Atene e non era stato là quando la città era stata espugnata dal re Minosse. Teseo, che già aveva ucciso il padre del Minotauro, un toro bianco, cercando nuova gloria, decise di uccidere anche il Minotauro stesso. E così insieme con altri Ateniesi salì sulla nave ornata di vele nere e partì per Creta. Là andò subito dal re Minosse, che comandò ai soldati di portarlo nel labirinto. Ma Minosse aveva una giovane figlia, a cui era nome Arianna, e quella per prima vide Teseo, iniziò ad amarlo e decise di salvarlo. Dunque Arianna, prima che Teseo entrasse nel labirinto, si avvicinò a lui e così iniziò a parlare:”Contro il Minotauro non posso portarti aiuto...” Teseo disse:”Gli dei mi porteranno aiuto contro quello. Oggi certamente ucciderò il Minotauro e salverò i miei concittadini da quel terribile mostro. Porto una buona spada. Sono pronto al combattimento.” Allora Arianna:”Non dubito di questo, ma poi in che modo troverai l’uscita del labirinto?Nessuno finora trovò da sé la via che porta fuori dal labirinto. Ma io ti porterò aiuto: ecco il filo fatto da Dedalo che ti mostrerà la via. Con l’aiuto di questo filo ritornerai da quel luogo a me.” Dette queste cose, Arianna diede il lungo filo a Teseo; e quello dice:”Aspettami qui alla porta!Non temere!Io non temo la morte. Vado senza timore della morte contro il nemico. Subito ritornerò qui, e non senza di te, Arianna, ritornerò in patria. Là ti condurrò con me e mai ti lascerò. Ti prometto questo.”
Allora Teseo, dopo aver preso il filo di Arianna, entrò nel labirinto e senza indugio cercò in mezzo al labirinto l’aspettante Minotauro, che uccise con la spada dopo un breve combattimento. Ucciso il Minotauro, Teseo seguito il filo di Arianna trovò facilmente l’uscita del labirinto. Così Teseo per amore della patria salvò i suoi concittadini dal ferocissimo mostro.
Queste sono le cose che sono raccontate sulla morte del Minotauro”
Qui Quinto dice:”Continua a raccontare di Teseo e Arianna!Forse Quella ha Seguito Teseo?”
Sira:”Teseo uscendo dal labirinto dice”Ho ucciso il Minotauro. Gioite, miei concittadini!Guardate la mia spada sanguinante!Seguitemi al porto!Lì la mia nave è pronta per navigare.” Allora dice guardando Arianna:”E tu mi segui!Vieni con me ad Atene!” Arianna, che non desiderava di più, dice:”Sono pronta per fuggire” e senza indugio sale la nave di Teseo. Teseo slega la nave e con la figlia del re naviga verso Naxus; Ma lì durante la notte in silenzio lasciò Arianna che dormiva e lui stesso partì da Naxus. Al mattino Arianna svegliata dal sonno cercò il fidanzato sulla spiaggia ma non lo trovò. La misera ragazza salì dal basso litorale su un alto scoglio, da dove guardando vide la nave di Teseo lontana nel mare. Allora, sebbene la sua voce non potesse essere sentita da nessuno, Arianna chiamò il suo fidanzato che fuggiva:”Teseo!Teseo!Ritorna da me!” e nessuna risposta le fu data eccetto la voce della stessa che gli scogli duri ridiedero. Poco dopo la nave sparì dalla sua vista e nessuna vela era distinguibile nel mare. Arianna dunque scese sulla spiaggia e correndo qua e là con molte lacrime si strappava i capelli e la veste, come sono soliti fare gli uomini che piangono – così era afflitta la tristissima giovane, che era stata lasciata sola dall’uomo, che amava più di ogni altro, fra le bestie dell’isola come un timido agnello fra lupi ferocissimi”
Quinto:”Perché lasciò così la sua amica?”
Sira:”Tali sono gli uomini, mio ragazzo. Promettono montagne d’oro alle donne, poi dimenticano le promesse e lasciano le donne senza soldi!Chi dimentica una promessa così facilmente tanto quanto l’uomo che ha amato una donna?Anche io una volta fui lasciata da un fidanzato ricco che mi aveva promesso molte cose. Ma non pensare che lo amassi per il desiderio del denaro, io lo amavo perché credevo fosse un uomo buono. Anche adesso sono afflitta per l’amore di quell’uomo.”
Quinto:”Dimentica quell’uomo cattivo che ti ha lasciato tanto bruttamente!”
Sira:”Non è facile dimenticare un amore antico, ma tu non comprendi questo, mio Quinto. Ritorno alla narrazione della storia, che quasi mi sono dimenticata, mentre parlo di altre cose.
“Lasciata Arianna a Naxus, Teseo navigava verso la sua patria. Nel frattempo suo padre Egeo, re degli Ateniesi, guardava in mare da un alto scoglio. Poco dopo la nave del figlio venne alla sua vista, ma la nave tornando portava le stesse vele nere che portò andando: infatti Teseo dopo la morte del Minotauro aveva dimenticato di cambiare le vele!E così Egeo, pensando che quel colore significava la morte del figlio, senza indugio si gettò dallo scoglio in mare, che dal suo nome ancora oggi è chiamato Mare Egeo.
Dopo la morte del re Egeo, suo figlio Teseo fu fatto re dagli Ateniesi e per molti anni regnò su Atene con grande gloria.”
Con queste parole Sira finisce la narrazione.

Trova ripetizioni online e lezioni private