82 - 113 - Divinità dei Romani - Le Ragioni del Latino

Versione originale in latino


Antiqui Italiae populi multos dos atque multas deas colebant, Dianam praesertim et Vestam et Minervam inter deas; Saturnum, Mercurium, Neptunum, Bacchum inter deos. Nominatim Diana silvarum dea ac regina erat, Vesta vitae domesticae, et Minerva sapientae dea. Saturno, antiquo deo Italico, Romani saepe consecrabant sumptuosa templa, ubi publicum aerarium custodiebant. Deorum nuntius, mercaturae et divitiarum patronus Mercurius erat; caduceo animas in regnum mortuorum ducebat. Aquarum deus et nautarum patronus Neptunus erat. Antiqui Italiae incolae in promunturiis splendida templa ac statuas Neptuno aedificant. Deus undas adsidue agibat vel repente sedabat.

Traduzione all'italiano


Gli antichi popoli dell'Italia adoravano molti dei e molte dee, specialmente Diana e Vesta e Minerva tra le dee; Saturno, Nettuno, Bacco tra gli dei. In particolare Diana era la dea e la regina delle selve, Vesta della vita domestica, e Minerva la dea della sapienza. A Saturno, antico dio italico, i Romani spesso dedicavano suntuosi templi, dove custodivano il tesoro pubblico. Marcurio era il messaggero degli dei, il patrono del commercio e della ricchezza; conduceva con la verga le anime al regno dei morti. Nettuno era il dio delle acque e il patrono dei naviganti. Gli abitanti dell'antica Italia innalzano sui promontori splendidi templi e statue a Nettuno. Il dio agitava continuamente le onde oppure le calmava improvvisamente.