124 - 34 - Romolo e i primi re di Roma - Latino Laboratorio

Versione originale in latino


Romanum imperium a Romolo, Rheae Silviae, Vestalis virginis, et dei Martis filio, exordium habet.Romulus urbem exiguam in Palatino monte constitui, civitatemque nomine suo Romam appellat.Multitudinem finitinorum in civitatem recipit et centum ex snibus legit et senatores creat. Quoniam vero Romanis uxores non erant, ad spectaculum ludorum vicinas urbis Romae nationes invitat atque virgines vi rapit. Propter iniuriam raptarumvirginum multa bella commoventur et Romulus Sabinos, Fidenates, Veientes aliasque nationes vincit.Post Romuli mortem per annum unum senatores imperant.Postea Numa Ponpilius rex creatur, qui bellum nullum gerit, sed leges moresque Romanis constituit;Romani civesenim antea consuetudine proeluorum latrones ac semibarbari putabantur. Annum in decem menses describit et infinita Romae sacra ac templa constituit.numae succedit Tullus Hostilius: bella reparat, albanos aliosque populos finitimor vincit et urbi adicit Caelium montem. Triginta et et duos annos regnat, at postea fulmine ictus cum aedibus suis ardet.

Traduzione all'italiano


L’impero romano ha inizio da Romolo, figlio del dio Marte e di Rea Silvia, vergine vestale. Romolo costruisce una città modesta sul monte Palatino, e chiama Roma dal suo nome. Poiché in verità i Romani non possedevano mogli, invita i confinanti vicini alla città di Roma allo spettacolo. Molte guerre vennero mosse a causa dell’oltraggio del rapimento delle vergini e Romolo vince i Sabini, i Fidenati, i Veienti ed altri popoli. Dopo la morte di Romolo i senatori governano per un anno. Dopo viene eletto il re Numa Pompilio, il quale porta nessuna guerra, ma costituisce le leggi e le tradizioni a vantaggio dei Romani. I cittadini Romani infatti prima del consuetudine del combattimento erano considerati briganti e incivili. Descrive l’anno in dieci mesi e costruisce infinite santuari e templi a Roma. A Numa succede Tullo Ostilio; riprende le guerre, vince gli Albani e gli altri popoli vicini e aggiunge il monte Celio alla città. Regna trentadue anni e in seguito brucia insieme a casa sua colpito da un fulmine.