Traduzione di Paragrafo 8 - La morte di Ciro, Libro 1 di Giustino

Incompleto

Versione originale in latino


Cyrus subacta Asia et universo Oriente in potestatem redacto Scythis bellum infert. Erat eo tempore regina Scytharum Tamyris, quae non muliebriter adventu hostium territa, cum prohibere eos transitu Araxis fluminis posset, transire permisit, et sibi faciliorem pugnam intra regni sui terminos rata et hostibus obiectu fluminis fugam difficiliorem. Itaque Cyrus traiectis copiis, cum aliquantisper in Scythiam processisset, castra metatus est. Dein postera die simulato metu, quasi refugiens castra deseruisset, ita vini adfatim et ea, quae epulis erant necessaria, reliquit. Quod cum nuntiatum reginae esset, adulescentulum filium ad insequendum eum cum tertia parte copiarum mittit. Cum ventum ad castra Cyri esset, ignarus rei militaris adulescens, veluti ad epulas, non ad proelium venisset, omissis hostibus insuetos barbaros vino se onerare patitur, priusque Scythae ebrietate quam bello vincuntur. [...]

Traduzione all'italiano


Ciro, re dei Persiani, sottomessa l'Asia e ridotto in suo potere tutto l'Oriente indisse una guerra contro gli Sciti. In quel tempo regina degli Sciti era Tamira, che, per nulla spaventata, alla maniera delle donne, dall'arrivo dei nemici, sebbene potesse proibire loro il guado del fiume Oasse, glielo permise, avendo pensato sia che sarebbe stata più agevole per gli Sciti una battaglia entro i confini del suo regno, sia che la fuga sarebbe stata più difficile per i nemici per l'ostacolo del fiume. Pertanto Ciro, portate le (sue) truppe al di là del fiume e, dopo essersi inoltrato per un po' in Scizia, pose l'accampamento. Quindi il giorno seguente, simulata la paura, come se si stesse ritirando fece abbandonare l'accampamento, abbondonò così vini in abbondanza e (tutto) ciò che era necessario per un banchetto. Dopo che ciò fu riferito alla regina, ella inviò il figlio con la terza parte delle truppe ad inseguire il re. Quando il ragazzo giunse nell'accampamento di Ciro, ignaro della tattica militare, permise ai suoi soldati, indotti dalla voluttà e dimentichi dei nemici, di ubriacarsi, come se fossero venuti ad un banchetto, non ad una battaglia, (e così) gli Sciti sono vinti prima dall'ubriachezza che dalla guerra. Infatti saputo ciò Ciro ritornò durante la notte, assaltò improvvisamente gli ubriachi e uccise tutti gli Sciti, compreso il figlio della regina. [...]

Trova ripetizioni online e lezioni private