Fedro - Appendix Perottina - 29 - Farfalla e vespa

Versione originale in latino


Papilio vespam prope volantem viderat:
“O sortem iniquam! Dum vivebant corpora,
quorum ex reliquiis animam nos accepimus,
ego eloquens in pace, fortis proeliis,
arte omni princeps inter aequalis fui;
en cuncta levitas putris et volito cinis.
Tu, qui fuisti mulus clitellarius,
quemcumque visum est laedis infixo aculeo.”
At vespa dignam memoria vocem edidit:
“Non qui fuerimus, sed qui nunc simus, vide.”

Traduzione all'italiano


Una farfalla, librandosi qua e là, apostrofava
una vespa: «O sorte ostile! Mentre respiravano i corpi
dai resti dei quali abbiamo ricevuto l’anima, io fui eloquente
in pace, forte nelle battaglie e, tra i miei uguali,
principe in ogni sapere.
Ecco ora sono leggerezza polverosa
e cenere svolazzante, mi libro qua e là! Tu che fosti mulo
da soma, ferisci chi vuoi conficcando il pungiglione».
E la vespa fece sentire la sua voce
degna di memoria: «Guarda non chi eravamo,
ma chi siamo ora».