Traduzione dal Latino all'Italiano di De Vulgari Eloquentia, Dante

Versioni di latino con traduzione dell'opera De Vulgari Eloquentia del poeta fiorentino Dante Alighieri, autore anche della Divina Commedia. Il testo, rimasto incompiuto, è un trattato in latino sulla lingua volgare, destinato all'élite culturale a lui contemporanea. Dante considera il volgare come la lingua naturale che l'uomo apprende senza bisogno di studiare. L'autore narra una storia universale secondo cui in origine tutti parlavano una stessa lingua sacra. Fu dopo la costruzione della Torre di Babele, simbolo della superbia dell'uomo, che Dio creò diverse lingue per confondere la popolazione.

Ordina risultati per:

De Vulgari Eloquentia - Libro 1 - Capitolo 17

Quare autem hoc quod repertum est, illustre, cardinale, aulicum et curiale adicientes vocemus, nunc disponendum est: per quod clarius ipsum quod ipsum est faciamus patere...

De Vulgari Eloquentia - Libro 1 - Capitolo 19

Hoc autem vulgare quod illustre, cardinale, aulicum et curiale ostensum est, dicimus esse illud quod vulgare latium appellatur. Nam sicut quoddam vulgare est invenire quo...

De Vulgari Eloquentia - Libro 1 - Capitolo 18

Neque sine ratione ipsum vulgare illustre decusamus adiectione secunda, videlicet ut id cardinale vocetur. Nam sicut totum hostium cardinem sequitur ut, quo cardo vertitu...

Trova ripetizioni online e lezioni private