Cicerone - Pro Flacco - 15

Testo latino e traduzione della versione da Cicerone, Pro Flacco, 15

Versione originale in latino


O morem praeclarum disciplinamque quam a maioribus accepimus, si quidem teneremus! sed nescio quo pacto iam de manibus elabitur. Nullam enim illi nostri sapientissimi et sanctissimi viri vim contionis esse voluerunt; quae scisceret plebes aut quae populus iuberet, submota contione, distributis partibus, tributim et centuriatim discriptis ordinibus, classibus, aetatibus, auditis auctoribus, re multos dies promulgata et cognita iuberi vetarique voluerunt.

Traduzione all'italiano


O splendida tradizione e disciplina quella che abbiamo ricevute dai nostri antenati, se solo ce ne attenessimo! Ma non so in che modo già ci sfuggendo dalle mani. Quei nostri uomini saggissimi e virtuosissimi non vollero nessun potere deliberativo all'assemblea popolare: allontanata l'assemblea, assegnati i diversi posti, distribuiti in tribù e centurie gli ordini sociali, le classi e i cittadini a seconda dell'età, ascoltati gli autori, per molti giorni pubblicata la proposta di legge e resa nota, vollero approvare o respingere le cose che la plebe approvasse o che il popolo ordinasse.

Trova ripetizioni online e lezioni private