Cicerone - Post reditum in senatu - 5

traduzione versione latino da Cicerone, Post reditum in senatu, 5

Versione originale in latino


postea vero quam singulari et praestantissima virtute P. Lentuli consulis ex superioris anni caligine et tenebris lucem in re publica Kalendis Ianuariis dispicere coepistis, cum Q. Metelli, nobilissimi hominis atque optimi viri, summa dignitas, cum praetorum tribunorum plebis paene omnium virtus et fides rei publicae subvenisset, cum virtute gloria rebus gestis Cn. Pompeius omnium gentium, omnium saeculorum, omnis memoriae facile princeps tuto se venire in senatum arbitraretur, tantus vester consensus de salute mea fuit ut corpus abesset meum, dignitas iam in patriam revertisset.

Traduzione all'italiano


Ma in seguito, per la straordinaria e ammirevole capacità del console Publio Lentulo, iniziaste a distinguere, il primo di Gennaio, una luce nello Stato fuori dalla caligine e dalle tenebre dell'anno precedente, quando l'incomparabile merito di Quinto Metello, uomo nobilissimo ed eccellente, quando la virtù e la lealtà dei pretori e di quasi tutti i tribuni della plebe era giunta in aiuto dello Stato, quando si ritenne che Gneo Pompeo, l'uomo più illustre di tutti i popoli, di tutti i tempi e di ogni memoria per valore, gloria e imprese compiute, sarebbe potuto venire tranquillamente in Senato senza pericolo, allora la vostra unanimità sul mio caso fu così grande che, pur non essendoci fisicamente, la mia dignità era già rientrata in patria.