Traduzione di Epistola 1 - Traduzione 2, Libro 4 di Cicerone

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Epistulae ad Atticum, 4, 1.

Versione originale in latino


CICERO ATTICO SAL.

Cum primum Romam veni fuitque cui recte ad te litteras darem, nihil prius faciendum mihi putavi quam ut tibi absenti de reditu nostro gratularer. cognoram enim, ut vere scribam, te in consiliis mihi dandis nec fortiorem nec prudentiorem quam me ipsum nec etiam pro praeterita mea in te observantia nimium in custodia salutis meae diligentem eundemque te, qui primis temporibus erroris nostri aut potius furoris particeps et falsi timoris socius fuisses, acerbissime discidium nostrum tulisse plurimumque operae, studi, diligentiae, laboris ad conficiendum reditum meum contulisse.
itaque hoc tibi vere adfirmo, in maxima laetitia et exoptatissima gratulatione unum ad cumulandum gaudium conspectum aut potius complexum mihi tuum defuisse. quem semel nactus si umquam dimisero ac nisi etiam praetermissos fructus tuae suavitatis praeteriti temporis omnis exegero, profecto hac restitutione fortunae me ipse non satis dignum iudicabo.
nos adhuc, in nostro statu quod difficillime reciperari posse arbitrati sumus, splendorem nostrum illum forensem et in senatu auctoritatem et apud viros bonos gratiam magis quam optaramus consecuti sumus; in re autem familiari, quae quem ad modum fracta, dissipata, direpta sit non ignoras, valde laboramus tuarumque non tam facultatum quas ego nostras esse iudico quam consiliorum ad conligendas et constituendas reliquias nostras indigemus.
nunc etsi omnia aut scripta esse a tuis arbitror aut etiam nuntiis ac rumore perlata, tamen ea scribam brevi quae te puto potissimum ex meis litteris velle cognoscere. Pr. Nonas Sextilis Dyrrachio sum profectus ipso illo die quo lex est lata de nobis. Brundisium veni Nonis Sextilibus. ibi mihi Tulliola mea fuit praesto natali suo ipso die qui casu idem natalis erat et Brundisinae coloniae et tuae vicinae salutis; quae res animadversa a multitudine summa Brundinisorum gratulatione celebrata est. ante diem iii Idus Sextilis cognovi, quom Brundisi essem, litteris Quinti mirifico studio omnium aetatum atque ordinum, incredibili concursu Italiae legem comitiis centuriatis esse perlatam. Inde a Brundisinis honestissime ornatus iter ita feci ut undique ad me cum gratulatione legati convenerint.
ad urbem ita veni ut nemo ullius ordinis homo nomenclatori notus fuerit qui mihi obviam non venerit, praeter eos inimicos quibus id ipsum, se inimicos esse, non liceret aut dissimulare aut negare. Cum venissem ad portam Capenam, gradus templorum ab infima plebe completi erant. A qua plausu maximo cum esset mihi gratulatio significata, similis et frequentia et plausus me usque ad Capitolium celebravit in foroque et in ipso Capitolio miranda multitudo fuit.
postridie in senatu qui fuit dies Nonarum Septembr. senatui gratias egimus. eo biduo cum esset annonae summa caritas et homines ad theatrum primo, deinde ad senatum concurrissent, impulsu Clodi mea opera frumenti inopiam esse clamarent, cum per eos dies senatus de annona haberetur et ad eius procurationem sermone non solum plebis verum etiam bonorum Pompeius vocaretur idque ipse cuperet multitudoque a me nominatim ut id decernerem postularet, feci et accurate sententiam dixi. Cum abessent consulares, quod tuto se negarent posse sententiam dicere, praeter Messallam et Afranium, factum est senatus consultum in meam sententiam, ut cum Pompeio ageretur ut eam rem susciperet lexque ferretur. quo senatus consulto recitato cum (populus) more hoc insulso et novo plausum meo nomine recitando dedisset, habui contionem. omnes magistratus praesentes praeter unum praetorem et duos tribunos pl. dederunt. postridie senatus frequens et omnes consulares nihil Pompeio postulanti negarunt. ille legatos quindecim cum postularet, me principem nominavit et ad omnia me alterum se fore dixit. legem consules conscripserunt qua Pompeio per quinquennium omnis potestas rei frumentariae toto orbe terrarum daretur, alteram Messius qui omnis pecuniae dat potestatem et adiungit classem et exercitum et maius imperium in provinciis quam sit eorum qui eas obtineant. illa nostra lex consularis nunc modesta videtur, haec messi non ferenda. Pompeius illam velle se dicit, familiares hanc. consulares duce Favonio fremunt; nos tacemus et eo magis quod de domo nostra nihil adhuc pontifices responderunt. qui si sustulerint religionem, aream praeclaram habebimus; superficiem consules ex senatus consulto aestimabunt; sin aliter, +demolientur, suo+ nomine locabunt, rem totam aestimabunt.
ita sunt res nostrae, Vt in secundis fluxae, ut in advorsis bonae. in re familiari valde sumus, ut scis, perturbati. praeterea sunt quaedam domestica quae litteris non committo. quin tum fratrem insigni pietate, virtute, fide praeditum sic amo ut debeo. te exspecto et oro ut matures venire eoque animo venias ut me tuo consilio egere non sinas. alterius vitae quoddam initium ordimur. iam quidam qui nos absentis defenderunt incipiunt praesentibus occulte irasci, aperte invidere. vehementer te requirimus.

Traduzione all'italiano


CICERONE AD ATTICO

Appena giunto a Roma, e trovato qualcuno cui poter affidare una lettera per te, la prima cosa che ho creduto di
dover fare è stata di esprimere all'amico assente la gratitudine e la gioia del ritorno. Sapevo bene, a dire il vero, che
nel consigliarmi tu non sei stato né più risoluto né più prudente di me e neanche, in confronto all'affettuosa de-vozione
che in passato ti avevo dimostrata, sei stato troppo sollecito nel tutelare la mia salute; ma ancora, che tu -
in un primo momento partecipe del mio errore o piuttosto della mia follia e compagno delle mie false paure - hai
sofferto crudelmente della nostra separazione e non hai trascurato sforzi, impegno, costanza, fatiche per rendere
possibile il mio ritorno.
Credo perciò in perfetta coscienza di poterti assicurare che in questo momento di esaltazione e di sospirata
gratitudine una sola cosa mi è mancata per rendere completa la mia gioia: la tua presenza, o meglio il tuo abbraccio.
Una volta che io abbia ottenuto questo, se mai lo trascurassi, e anzi, se mai non dovessi riguadagnare tutto quello
che del tuo affetto ho perduto nel recente passato, davvero mi giu dicherei da me stesso non abbastanza degno di
questo recupero di buona sorte.
Circa la mia situazione personale, quanto avevo ritenuto fosse difficilissimo poter riacquistare, l'ho inoltre
ottenuto oltre ogni mia aspettativa: tutta la mia gloria forense e il mio prestigio in senato e un credito politico in
determinati ambienti che contano. Il restauro del mio patrimonio, che tu non ignori in qual modo sia stato distrutto,
disperso, saccheggiato, mi fa molto penare e ho bisogno non già delle tue disponibilità, che so di poter considerare
mie, ma dei tuoi buoni consigli per raccoglierne e metterne insieme gli avanzi.
Ora, benché pensi che su tutto o ti sia stato scritto dai tuoi o anche ti siano arrivate notizie e voci, ti scriverò suc-cintamente
quel che credo ti interessi specialmente sapere da una mia lettera. Sono partito da Durazzo il 4 di agosto,
il giorno stesso in cui fu presentata la legge che mi riguardava; il 5 sono giunto a Brindisi, dove c'era in attesa la mia
Tulliola, il giorno stesso del suo compleanno che per caso coincideva con l'anniversario della fondazione sia della
colonia di Brindisi, sia del tempio della Salute, presso la tua dimora. Venutasi a sapere la cosa, fu celebrata con
molte felicitazioni da una gran folla di cittadini. L'8 agosto, mentre ero a Brindisi, ho saputo per lettera da Quinto
che la legge era passata ai comizi centuriati, fra lo straordinario entusiasmo di giovani e meno giovani d'ogni ceto e
una stupefacente partecipazione dalle regioni d'Italia. Sono quindi partito colmato di onori dai cittadini più rag-guardevoli
di Brindisi e durante il viaggio non ho fatto che ricevere delegazioni da ogni parte che si rallegravano
con me. Avvicinandomi alla città, non c'era nessuno-fra quanti d'ogni ceto fossero noti al mio segretario-che non
mi venisse incontro, a parte quei tali nemici a cui non era possibile o dissimulare o negare la propria inimicizia. Ar-rivato
alla Porta Capena, i gradini dei templi erano stracolmi di gente umile, che mi dimostrò con fragorosi applausi
il suo compiacimento, e successivamente un'analoga dimostrazione di popolo in festa mi seguì passo passo fino al
Campidoglio; e nel foro e sullo stesso Campidoglio c'era una folla strepitosa.
Il giorno seguente (era il 5 settembre) ho espresso il mio ringraziamento al senato. In questi stessi due giorni,
dato il momento di grave crisi dei prezzi alimentari, e a seguito di manifestazioni di piazza, prima al teatro poi alla
curia (e su istigazione di Clodio c'era chi andava gridando che io ero responsabile della carestia), all'ordine del
giorno del senato c'era appunto la questione annonaria: per risolvere il problema degli approvvigionamenti, sulla
bocca non solo della gente del popolo, ma anche dei benpensanti, ricorreva il nome di Pompeo - incarico da lui
stesso ambito, peraltro. Così la folla si rivolse espressamente a me, che formulassi la relativa proposta, cosa che io
ho fatto argomentando con molta cura il mio pensiero.
Essendosi assentati i senatori di rango consolare (a parte Messalla e Afranio), convinti che non si potesse
giungere in piena sicurezza a dichiarazioni di voto, fu approvato un decreto conforme alle mie indicazioni che in-vitava
a prendere accordi in merito con Pompeo e a provvedere in conseguenza con una legge. Data lettura di que-sto
decreto, poiché la folla - secondo la stupida moda invalsa di recente-tra le acclamazioni scandiva il mio no-me,
ho tenuto un discorso pubblico. Me ne diedero facoltà tutti i magistrati presenti, con l'eccezione di un solo
pretore e di due tribuni della plebe. Il giorno appresso il senato al completo, compresi tutti gli ex consoli, non
rifiutarono alcuna delle richieste di Pompeo. Egli richiese un comitato di quindici membri, nominando me per
primo e dichiarando che io sarei stato un secondo sé stesso in ogni cosa. I consoli stesero un disegno di legge con il
quale veniva affidata a Pompeo per un quinquennio la responsabilità generale e assoluta delle forniture di grano.
Messio ne preparo un altro, che gli garantisce il controllo integrale delle finanze, con l'aggiunta di una flotta, di un
esercito e di un'autorità da plenipotenziario nelle province, superiore a quella dei governatori titolari. La nostra
legge consolare ecco che sembra moderata, ma questa di Messio assolutamente insostenibile. Pompeo afferma di
volere quell'altra, i suoi il contrario. Il gruppo dei consolari, con in testa Favonio, brontola; io non apro bocca e
tanto più che il colle gio dei pontefici non si è ancora pronunciato circa la mia casa. Se annullerà la consacrazione,
disporrò di una magnifica area: il valore della superficie edificata sarà determinato dai consoli, come previsto dal
decreto senatoriale; altrimenti ne cureranno la demolizione, appalteranno il nuovo edificio a loro nome, quindi
faranno una valutazione complessiva dell'intera operazione.
Tale è la mia situazione attuale: come dice il poeta, "fluida rispetto al meglio, buona al peggio...".
Ti ho già detto che la mia situazione patrimoniale è gra ve: ci sono poi alcune questioni private, che non voglio
mettere per iscritto. Per mio fratello Quinto, così affettuoso, coraggioso, fedele, nutro tutto il debito amore. Ti
aspetto e ti prego di venire al più presto e di venire ben disposto a non farmi mancare i tuoi buoni consigli: per me
questo è come l'inizio di una nuova vita. Già qualcuno, che prese le difese di me assente, comincia sotto sotto a
disgustarsi della mia presenza e a non nascondere l'invidia. Ho veramente un assoluto bisogno di te.

Trova ripetizioni online e lezioni private