Traduzione di Epistola 3, Libro 3 di Cicerone

Testo latino e traduzione versione latina da Cicerone, Epistulae ad Atticum, 3, 3.

Versione originale in latino


CICERO ATTICO SAL.

Vtinam illum diem videam cum tibi agam gratias quod me vivere coegisti! adhuc quidem valde me paenitet. sed te oro ut ad me Vibonem statim venias quo ego multis de causis converti iter meum. sed eo si veneris, de tota itinere ac fuga mea consilium capere potero. si id non feceris, mirabor; sed confido te esse facturum.

Traduzione all'italiano


CICERONE AD ATTICO

Prego il cielo di poter vedere il giorno in cui ti ringrazierò per avermi costretto a vivere! Per il momento ho ancora a
pentirmene amaramente. Ma ti prego di raggiungermi subito a Vibo, verso cui per molti motivi ho rivolto il mio cammino.
Ma se ci verrai, potrò ragionare con calma sull'intero itinerario del mio esilio. Mi meraviglierei se non lo facessi; ma
confido che lo farai.