Traduzione di Epistola 27, Libro 3 di Cicerone

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Epistulae ad Atticum, 3, 27.

Versione originale in latino


CICERO ATTICO SAL.

ex tuis litteris et ex re ipsa nos funditus perisse video. te oro ut quibus in rebus tui mei indigebunt nostris miseriis ne desis. ego te, ut scribis, cito videbo.

Traduzione all'italiano


CICERONE AD ATTICO

Dalla tua lettera e dalla situazione stessa vedo che la mia rovina è completa. Supplico te che alle nostre sventure
non venga meno la tua assistenza per quanto i miei avranno bisogno di te. Come scrivi, ti vedrò presto.