Traduzione di Paragrafo 58, Libro 1 di Cicerone

Versione originale in latino


Neque enim civitas in seditione beata esse potest nec in discordia dominorum domus; quo minus animus a se ipse dissidens secumque discordans gustare partem ullam liquidae voluptatis et liberae potest. Atqui pugnantibus et contrariis studiis consiliisque semper utens nihil quieti videre, nihil tranquilli potest.

Traduzione all'italiano


Ed infatti una città non può essere felice in mezzo alle rivolte, né una casa può esserlo nella discordia dei padroni, e tanto meno un animo in dissidio ed in discordia con se stesso può gustare alcuna parte del piacere palpabile e libero. E per di più l'animo che si basa sempre su procedimenti contrastanti e contraddittori non può vedere nulla di sereno, né di tranquillo.