Cicerone - Cato Maior de Senectute - Cicerone - De senectute - III, 9

Versione originale in latino


Aptissima omnino sunt, Scipio et Laeli, arma senectutis artes exercitationesque virtutum, quae in omni aetate cultae, cum diu multumque vixeris, mirificos ecferunt fructus, non solum quia numquam deserunt, ne extremo quidem tempore aetatis (quamquam id quidem maximum est), verum etiam quia conscientia bene actae vitae multorumque bene factorum recordatio iucundissima est.

Traduzione all'italiano


Per Scipione e Lelio, di solito, le più adeguate armi della vecchiaia sono le arti e la pratica delle virtù, che, praticate in ogni età, qualora tu sia vissuto molto ed intensamente, creano frutti stupendi, non solo perché esse non lasciano mai soli, anche nell'ultimo arco della vita – nonostante ciò sia veramente la cosa più importante - ma anche perché la consapevolezza di una vita ben vissuta e il ricordo di azioni meritevoli sono cose pregiatissime.