Cicerone - Brutus - 8

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 8.

Versione originale in latino


Ita nobismet ipsis accidit ut, quamquam essent multo magis alia lugenda, tamen hoc doleremus quod, quo tempore aetas nostra perfuncta rebus amplissimis tamquam in portum confugere deberet non inertiae neque desidiae, sed oti moderati atque honesti, cumque ipsa oratio iam nostra canesceret haberetque suam quandam maturitatem et quasi senectutem, tum arma sunt ea sumpta, quibus illi ipsi, qui didicerant eis uti gloriose, quem ad modum salutariter uterentur non reperiebant.

Traduzione all'italiano


Così a me stesso è accaduto che, per quanto vi fossero ben altre sventure di cui lagnarsi, tuttavia soprattutto di una cosa ho dovuto affliggermi: nel periodo in cui un uomo della mia età, dopo avere ottenuto i più grandi successi, avrebbe dovuto rifugiarsi, per così dire, in un porto non di inerzia né di inoperosità, ma di una tranquillità moderata e onorevole, e quando la mia eloquenza ormai incominciava a incanutire, e aveva raggiunto una certa sua maturità, e quasi vecchiaia, allora venne dato di piglio alle armi: quelle armi che proprio coloro i quali avevano appreso a far di esse un uso glorioso, non trovavano il modo di impiegare in maniera salutare.

Trova ripetizioni online e lezioni private