Cicerone - Brutus - 329

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 329.

Versione originale in latino


Sit sane ut vis, inquam, et id non tam mea causa quam tua; sed fortunatus illius exitus, qui ea non vidit cum fierent, quae providit futura. saepe enim inter nos impendentis casus deflevimus, cum belli civilis causas in privatorum cupiditatibus inclusas, pacis spem a publico consilio esse exclusam videremus. sed illum videtur felicitas ipsius, qua semper est usus, ab eis miseriis, quae consecutae sunt, morte vindicavisse.

Traduzione all'italiano


"Per favore, fa' migliori presagi" disse Bruto. "Sia come vuoi; e ciò non tanto a cagione di me, quanto di te. Ma egli ebbe una fine davvero fortunata, perché non vide il verificarsi di quanto aveva previsto. Spesso infatti deplorammo tra di noi le sciagure che ci sovrastavano: vedevamo come le passioni dei privati dentro di sé avessero i semi della guerra civile, mentre dalle pubbliche deliberazioni ogni speranza di pace restava tagliata fuori. Ma la sua buona sorte, di cui sempre ebbe a godere, pare averlo preservato con la morte dalle sventure che sono poi seguite.

Trova ripetizioni online e lezioni private