Cicerone - Brutus - 311

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 311.

Versione originale in latino


Tumultus interim recuperanda re publica et crudelis interitus oratorum trium, Scaevolae Carbonis Antisti, reditus Cottae Curionis Crassi Lentulorum Pompei; leges et iudicia constituta, recuperata res publica; ex numero autem oratorum Pomponius Censorinus Murena sublati. tum primum nos ad causas et privatas et publicas adire coepimus, non ut in foro disceremus, quod plerique fecerunt, sed ut, quantum nos efficere potuissemus, docti in forum veniremus.

Traduzione all'italiano


Nel frattempo, l'opera di restaurazione dello stato comportò disordini violenti, e ci furono le morti atroci di tre oratori, Scevola, Carbone e Antistio," e il ritorno in patria di Cotta, di Curione, di Crasso, dei Lentuli e di Pompeo; vennero ristabilite la legalità e la normalità giudiziaria, e si ebbe la definitiva restaurazione dello stato; dal novero degli oratori vennero però cancellati Pomponio, Censorino e Murena. Fu solo allora che io incominciai ad affrontare processi privati e penali; e non così da dover imparare nel foro, come hanno fatto i più; nella misura in cui mi era stato possibile, mi ero invece messo in condizione di arrivare nel foro con una formazione già completa.

Trova ripetizioni online e lezioni private