Cicerone - Brutus - 27

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 27.

Versione originale in latino


Tamen ante Periclem, cuius scripta quaedam feruntur, et Thucydidem, qui non nascentibus Athenis sed iam adultis fuerunt, littera nulla est, quae quidem ornatum aliquem habeat et oratoris esse videatur. quamquam opinio est et eum, qui multis annis ante hos fuerit, Pisistratum et paulo seniorem etiam Solonem posteaque Clisthenem multum, ut temporibus illis, valuisse dicendo.

Traduzione all'italiano


Tuttavia prima di Pericle - ci sono testi che circolano sotto il suo nome e di Tucidide, i quali vissero ambedue non quando Atene era appena nata, ma quand'era già adulta, non vi è alcuno scritto che presenti qualche ornamento e appaia come l'opera di un vero oratore. Tuttavia è opinione corrente che Pisistrato, il quale visse molti anni prima di costoro, e anche Solone, di lui un po' più antico, e successivamente Clistene, siano stati, per quei tempi, oratori molto valenti.

Trova ripetizioni online e lezioni private