Cicerone - Brutus - 267

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 267.

Versione originale in latino


Sunt etiam ex iis, qui eodem bello occiderunt, M. Bibulus, qui et scriptitavit accurate, cum praesertim non esset orator, et egit multa constanter; Appius Claudius socer tuus, conlega et familiaris meus: hic iam et satis studiosus et valde cum doctus tum etiam exercitatus orator et cum auguralis tum omnis publici iuris antiquitatisque nostrae bene peritus fuit. L. Domitius nulla ille quidem arte, sed Latine tamen et multa cum libertate dicebat.

Traduzione all'italiano


Tra coloro che sono periti nella stessa guerra, vi sono anche Marco Bibulo, che scrisse con frequente impegno e in maniera accurata, tanto più che non era un vero oratore, e dimostrò in molti casi fermezza di carattere; tuo suocero Appio Claudio, mio collega e amico: fu un oratore dal notevole impegno, molto ricco di cultura e anche di esperienza pratica; ebbe inoltre grande competenza non solo nel diritto augurale,"' ma anche in tutto il diritto pubblico e nelle nostre antichità. Lucio Domizio parlava senz'arte alcuna, ma tuttavia in un buon latino, e con grande indipendenza.

Trova ripetizioni online e lezioni private