Cicerone - Brutus - 14

Testo latino e traduzione versione da Cicerone, Brutus, 14

Versione originale in latino


Tum ille: nempe eum dicis, inquit, quo iste omnem rerum memoriam breviter et, ut mihi quidem visum est, perdiligenter complexus est? Istum ipsum, inquam, Brute, dico librum mihi saluti fuisse. Tum Atticus: optatissimum mihi quidem est quod dicis; sed quid tandem habuit liber iste, quod tibi aut novum aut tanto usui posset esse?

Traduzione all'italiano


Allora lui: "Vuoi dire" fece "il libro nel quale costui ha raccolto in breve, e, a mio parere, con somma diligenza, tutta la storia?". "Proprio codesto libro, Bruto, dico che mi ha recato la salvezza." E allora Attico: "Quello che dici mi fa un immenso piacere; ma cosa aveva mai quel libro, che potesse risultare per te nuovo, o tanto utile?".

Trova ripetizioni online e lezioni private