Sallustio, Il corpo è al servizio dello spirito - (Bellum Catilinae, 1)

Versione originale in latino


Omnis homines, qui sese student praestare ceteris animalibus, summa ope niti decet, ne vitam silentio transeant veluti pecora, quae natura prona atque ventri oboedientia finxit. sed nostra omnis vis in animo et corpore sita est: animi imperio, corporis servitio magis utimur; alterum nobis cum dis, alterum cum beluis commune est. quo mihi rectius videtur ingeni quam virium opibus gloriam quaerere et, quoniam vita ipsa, qua fruimur, brevis est, memoriam nostri quam maxume longam efficere. nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur. Sed diu magnum inter mortalis certamen fuit, vine corporis an virtute animi res militaris magis procederet. nam et prius quam incipias consulto, et ubi consulueris mature facto opus est. Ita utrumque per se indigens alterum alterius auxilio eget.

Traduzione all'italiano


Tutti gli uomini che mirano ad emergere sugli altri esseri animati devono impegnarsi con il massimo sforzo, se non vogliono trascorrere l'esistenza oscuri, come delle pecore, che la natura ha creato prone a terra e schiave del ventre. Nell'uomo, peraltro, le facoltà risiedono tanto nell'animo quanto nel corpo: il primo serve da guida, il secondo da strumento, poiché l'animo l'abbiamo in comune con gli dei, il corpo con gli esseri bruti. Perciò mi sembra più giusto cercare la gloria con le doti dell’ intelletto che con la forza fisica e, poiché il tempo che abbiamo da vivere è tanto breve, far si che duri più possibile a lungo avere memoria di noi. Fugace e fragile è la rinomanza che deriva dalla ricchezza e dai pregi del volto, ma la nobiltà dell’ animo splende di vivo lume per sempre. Molto s'è dibattuto e a lungo tra i mortali se la scienza militare dipenda dal vigore fisico o dall'intelletto. A ben guardare, prima d'intraprendere un'azione è necessario riflettere e poi agire prontamente; sicché sia al pensiero sia all'azione che soli, sono inadeguati, ed è necessario l'ausilio reciproco.