Catullo, Ille mi par esse deo videtur - (Carme 51)

Versione originale in latino


Ìlle mì par èsse deò vidètur,
ìlle, sì fas èst, superàre dìvos,
quì sedèns advèrsus idèntidèm te
spèctat et àudit

dùlce rìdentèm, miserò quod òmnes
èripit sensùs mihi: nàm simùl te,
Lèsbia, àspexì, nihil èst supèr mi
<vòcis in òre;>

lìngua sèd torpèt, tenuìs sub àrtus
flàmma dèmanàt, sonitù suòpte
tìntinànt aurès, geminà tegùntur
lùmina nòcte.

...

Òtiùm, Catùlle, tibì molèstus:
òtio èxsultàs nimiùmque gèstis:
òtium èt regès prius èt beàtas
pèrdidit ùrbes.

Traduzione all'italiano


Quello mi sembra essere pari a un dio,
quello, se è lecito(dirlo), (mi sembra) superare gli dei,
che sedendoti di fronte ti guarda e ascolta incessantemente

che ridi dolcemente a me misero strappa tutti i sentimenti
O lesbia ogni volta che ti vedo nulla sopravvive a me di voce

Ma la lingua è paralizzata, una fiamma sottile si diffonde sotto le membra
Le orecchie tintinnano per un suono loro gli occhi sono coperti da una duplice notte

L’amore, o catullo, ti è molesto
A causa dell’amore ti esalti e smanii troppo
L’amore in passato ha mandato in rovina re e città beate

Trova ripetizioni online e lezioni private