Catullo, Il passerotto di Lesbia - (Carme 2)

Versione originale in latino


Passer, deliciae meae puellae,
quicum ludere, quem in sinu tenere,
cui primum digitum dare appetenti
et acris solet incitare morsus,
cum desiderio meo nitenti
karum nescio quid libet iocari
et solaciolum sui doloris,
credo ut tum gravis acquiescat ardor:
tecum ludere sicut ipsa possem
et tristis animi levare curas!

Traduzione all'italiano


Passero, delizia della mia ragazza,
con il quale gioca, che tiene in seno,
a cui dà la punta del dito mentre salta
e provoca i tuoi duri morsi
quando al mio desiderio, alla mia luce
piace inventare qualche dolce svago,
come minimo conforto al suo dolore,
credo, affinché allora il suo ardore trovi pace:
potessi come lei giocare, con te
e alleviare le tristi pene del mio animo!

Trova ripetizioni online e lezioni private
Amore e sessualità, quello che non sai sulla tua sicurezza

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV