blakman di blakman
VIP 9176 punti

Eroi romani: Orazio Coclite

Κόκλην γὰρ λέγεται τὸν Ὡράτιον ἐπικληθέντα, διαγωνιζόμενον πρὸς δύο τῶν ὑπεναντίων ἐπὶ τῷ καταντικρὺ τῆς γεφύρας πέρατι τῆς ἐπὶ τοῦ Τιβέριδος, ἣ κεῖται πρὸ τῆς πόλεως, ἐπεὶ πλῆθος ἐπιφερόμενον εἶδε τῶν βοηθούντων τοῖς πολεμίοις, δείσαντα μὴ βιασάμενοι παραπέσωσιν εἰς τὴν πόλιν, βοᾶν ἐπιστραφέντα τοῖς κατόπιν ὡς τάχος ἀναχωρήσαντας διασπᾶν τὴν γέφυραν. τῶν δὲ πειθαρχησάντων, ἕως μὲν οὗτοι διέσπων, ὑπέμενε τραυμάτων πλῆθος ἀναδεχόμενος καὶ διακατέσχε τὴν ἐπιφορὰν τῶν ἐχθρῶν, οὐχ οὕτως τὴν δύναμιν ὡς τὴν ὑπόστασιν αὐτοῦ καὶ τόλμαν καταπεπληγμένων τῶν ὑπεναντίων. διασπασθείσης δὲ τῆς γεφύρας, οἱ μὲν πολέμιοι τῆς ὁρμῆς ἐκωλύθησαν, ὁ δὲ Κόκλης ῥίψας ἑαυτὸν εἰς τὸν ποταμὸν ἐν τοῖς ὅπλοις κατὰ προαίρεσιν μετήλλαξε τὸν βίον, περὶ πλείονος ποιησάμενος τὴν τῆς πατρίδος ἀσφάλειαν καὶ τὴν ἐσομένην μετὰ ταῦτα περὶ αὐτὸν εὔκλειαν τῆς παρούσης ζωῆς καὶ τοῦ καταλειπομένου βίου.

Si narra dunque che Orazio soprannominato Coclite, combattendo contro due nemici al termine frontale del ponte sul Tevere che è gettato davanti alla città, come vide una moltitudine di uomini accorrere in aiuto agli avversari, temendo che essi a forza precipitassero nella città, si voltò e a quelli che gli stavano dietro gridò di ritirarsi in fretta e di tagliare il ponte. Poiché l'ordine venne eseguito, mentre quelli tagliavano, Orazio resistette, pur ricevendo un gran numero di ferite, e trattenne l'impeto degli avversari. Tagliato il ponte, i nemici furono trattenuti nell'impeto, e Coclite, gettatosi nel fiume con le armi, morì di morte volontaria, facendo maggior conto della sicurezza della patria e della gloria che dopo di ciò gli sarebbe venuta che non della vita presente e di quella che ancora gli sarebbe rimasta.

Registrati via email