Ominide 30 punti

Saffo - Invocazione a Venere

ποικιλόθρον' ἀθανατ'Αφρόδιτα,
παῖ Δίος δολòπλοκε, λίσσομαί σε,
μή μ'ἄσαισι μηδ'ὀνίαισι δάμνα,
πότνια, θῦμον,

ἀλλἀ τυίδ' ἔλθ' αι ποτα κἀτέρωτα
τάς ἔμας αὔδας ἀίοισα πήλοι
ἔκλυες, πάτρος δέ δόμον λίποισα

χρύσιον ἦλθες

ἄπμ' ὐπασδεύξαισα: κάλοι δέ σ'ἆγον
ὢκεες σροῦθοι περί γᾶς μελαίνας
πύκνα δίννεντες πτέρ 'ἀπ' ὠρανωἴθε-
ρος διὰ μέσσω

αἷψα δ'ἐξίκοντο σὺ δ', ὦ μάκαιρα,
μειδιαισαισ' ἀθανάτῳ
ἤπε ' ὄττι δηὖτε κάλημμι

κὢττι μοι μάλιστα θέλω γένεσθαι
μαινòλᾳ θύμῳ τινα δηὖτε πείθω
*... σάγην * ἐς σάν φιλòτατα; τίς σ', ὦ
Ψάπφ', ἀδικήι;

Καί γὰρ αἰ φεύγει, ταχέως δίώξει,

αί δὲ δῶρα μὴ δέκετ', ἀλλὰ δώσει,
αἰ δέ μή φίλει, ταχέώς φιλήσει
κωὐκ ἐθέλοισα.

Ἔλθε μοι καί νῦν, χαλέπαν δέ λῦσου
ἐκ μερίμναν, ὄσσα δέ μοι τέλεσσαι
θῦμος ἰμερρει, τέλεσον, σύ δ' αὔτα
σύμμαχος ἔσσο.

Immortale Afrodite dal trono adorno, figlia di Zeus, tessitrice di astuzie, ti scongiuro, non colpirmi nell'animo con ansie nè con tormenti, o veneranda, ma qua vieni, se mai anche altre volte udendo la mia voce da lungi, mi porgesti ascolto, e lasciata la casa aurea del padre, venisti dopo aver aggiogato il carro; e belli ti conducevano i passeri veloci sopra la scura terra fitte roteando le ali giù dal cielo attraverso l'aria; e subito giunsero; e tu, o beata, sorridendo col viso immortale, chiedesti che cosa di nuovo ho sofferto e perchè di nuovo ti chiamo e che cosa sommamente voglio con animo folle che avvenga per me; "Chi di nuovo dici che Persuasione deve condurre al tuo amore? Chi, o Saffo, ti fa torto? Ebbene, se fugge presto inseguirà, se non accoglie doni anzi farà doni, e se non ama presto amerà anche non volendo." Vieni a me anche ora e liberami dalle tormentose inquietudini, e realizza tutto ciò che il mio animo desidera compiere per me, e tu stessa sii mia alleata.

Registrati via email