Longo Sofista - Dafni e Cloe III, 23

Dafni racconta a Cloe la favola di Eco

[greek]ῶ Νυμφῶν, ὦ κόρη, πολύ γέvος, Μελίαι καί Δρυάδες καί Ἓλειοι, πᾶσαι καλαί, πᾶσαι μουσικαί. Καί μιᾶς τούτων θυγάτηρ Ἠχώ γίνεται,θνητή μέν πατρός θνητοῦ,καλή δέ ἐκ μητρòς καλῆς.Τρέφεται μέν ὑπò Νυμφῶν, παιδεύεται δέ ὑπò μουσῶν συρìττετν, αὐλειν, τά πρòς λύπαν,τά πρòς κιθαραν, πᾶσαν ᾠδήν .Ὥστε κά παρθεν'ας εἰς ἄνθος ἀκμασασα ταῖς Νύμφαις συνεχòρευε, ταῖς Μούσαις συνῇδεν; ἂρρευας δη ἔφευγε πάντας καì ἀνθρώπους καì θεούς, φιλοῦσα τήν παρθενìαν. Ὁ Πάυ ὀργìζεται τῇ κòρῃ,τῆς μουσικῆς φθουῶν,τοῦ κάλλους μή τυχών, καì μαν'αν ἐμβαλλει τοῖς ποιμέσι κά τοῖς αἰπòλοσι. Οἱ δέ ὣσπερ κύνες ἢ λύκοι διασπῶσιν αὐτήν καì ριπτουσιν εἰς πᾶσαν γῆν ἒτι ᾂδοντα τά μέλη. Καì τά μέλη ἡ Γῆ χαριζομέυη Νύμφαις ἒκρυψε πάυτα καì ἐτρήρησε τήν μουσικήν; καì ἃ γνώμη Μους ἀφì+σι φωνήν καì μιμεῖται πάυτα,καθάπερ τòτε ἡ κòπη, θεούσ, ἀνρθώπους, ὄργαυα,θηρìα. Μιμειται καì αὐτòυ συρìττουτα τòν Πᾶνα; ὁ δέ ἀκούσας ἀναπηδᾷ καì διώκει κατά τῶν ὀρῶν, οὐκ ἐρῶν τυχεῖν ἀλλ'ἤ τοῦ μαθεῖν,τìς ἐστιν ὁ λανθάνων μιμητήσ[/greek]


“C’è una grande famiglia di ninfe, o fanciulla, le Emelie e le Driadi e le Elee(palustri), tutte belle, tutte canore. E da una di queste nasce la figlia di Eco, mortale da padre mortale, bella da madre bella. E’ allevata dalle ninfe, è ammaestrata dalle muse a suonare lo zufolo, a suonare il flauto, i canti con l’accompagnamento della lira e della cetra, ogni tipo di canto. Così che anche quando era nel fiore della giovinezza danzava con le ninfe, e cantava con le muse; evitava tutti i maschi, sia uomini sia dei, dato che amava la verginità. Pan si adira con la fanciulla, giacchè prova invidia per la sua arte musicale, non avendo raggiunto la sua bellezza e infonde follia nei pastori e nei caprai. Ed essi come cani o lupi la sbranano e gettano per terra le membra che ancora cantavano. E la terra facendo una cosa gradita alle ninfe nascose tutte le membra e conservò l’arte musicale; e ciò che per decisione delle muse emette un suono e le imita anche tutte, come un tempo faceva la fanciulla, dei, uomini, organo, belve. Imita anche lo stesso Pan che suona lo zufolo e quello avendola sentita, balza e corre,la insegue per i monti, non desiderando raggiungerla ma piuttosto sapere, chi è l’imitatore che si nasconde.”

Registrati via email