Ominide 207 punti

Αλεξανδορς δε, ως μεν Αριταβουλω λελεκται, υπο καματου ευοσμεν, οι δε ες τον Κυδνον τον ποταμον λεγουσι ριψαντα νηξασθαι, επιθυμησαντα του υδατος, ιδρωντα και καυμαται εξομενον. (Λεγουσιν) σπασμω τε ουν εχεσθαι ειναι βιωσιμον, Φιλιππον δε Ακαρνανα, ιατρον, ξυνοντα Αλεξανδρω και τα τε αμφι ιατρικην ες τα μαλιστα πιστευομενον και τα αλλα ουκ αδοιμον εν το στρατω οντα, καθηραι εθελειν Αλεξανδρον φαρμακω· και τον κελευειν καθηραι. Τον μεν δη παρασκευαζειν την κυλικα, εν τουτω δε Αλεξανδρω δοθεναι επιστολην παρα Παρμενιωνος φυλαξασθαι Φιλιππον·ακουειν γαρ διεφθαρθαι υπο Δαρειου χρεμασιν ωστε φαρμακω αποκτειναι Αλεξανδρον. Τον δε αναγνοντα την επιστολην και ετι μετα χεριας εχοντα αυτον μεν λαβειν την κυλικα εν η ην το φαρμακον, τον Φιλιππον αναγιγνωσκειν τα παρα του Παρμενιωνος.


E Alessandro, come è stato narrato da Aristobalo, soffrì a causa di una malattia, altri dicono che dopo essersi gettato nel fiume Cidno nuotasse avendo desiderato di bagnarsi, essendo sudato e avendo caldo. Dicono che Alessandro fu preso da convulsioni, febbri violente e una continua insonnia, e pare che gli altri medici non credevano che potesse vivere. Il medico Filippo di Acarnaia che frequentava Alessandro e che era ritenuto senza dubbio stimato nelle cose riguardanti la medicina e che per il resto non era da meno nell'esercito, desiderava ripulire Alessandro con un farmaco, e dicono che questo gli chiese di purgarlo. Ma questo prepara una coppa; nel frattempo fu data una lettera ad Alessandro da parte di Parmenione avvisandolo di stare attento a Filippo e dopo era venuto a sapere che da Dario era stato corrotto dalle ricchezze cosicchè lo uccidesse con un farmaco. E dicono che lui dopo aver letto la lettere a avendola ancora tra le mani prese la coppa nella quale c'era il farmaco, ma diede la lettera a Filippo affinché la leggesse. Dicono che contemporaneamente Alessandro beveva e Filippo leggeva la lettera le cose scritte da Parmenione.

Registrati via email