Genius 4190 punti

Platone - Versione di maturità 1987

Prime esperienze politiche di Platone

Νέος ἐγώ ποτε ὢν πολλοῖς δὴ ταὐτὸν ἔπαθον· ᾠήθην, εἰ θᾶττον ἐμαυτοῦ γενοίμην κύριος, ἐπὶ τὰ κοινὰ τῆς πόλεως εὐθὺς ἰέναι. καί μοι τύχαι τινὲς τῶν τῆς πόλεως πραγμάτων τοιαίδε παρέπεσον. ὑπὸ πολλῶν γὰρ τῆς τότε πολιτείας λοιδορουμένης μεταβολὴ γίγνεται, καὶ τῆς μεταβολῆς εἷς καὶ πεντήκοντά τινες ἄνδρες προύστησαν ἄρχοντες, ἕνδεκα μὲν ἐν ἄστει, δέκα δ' ἐν Πειραεῖ – περί τε ἀγορὰν ἑκάτεροι τούτων ὅσα τ' ἐν τοῖς ἄστεσι διοικεῖν ἔδει – τριάκοντα δὲ πάντων ἄρχοντες κατέστησαν αὐτοκράτορες. τούτων δή τινες οἰκεῖοί τε ὄντες καὶ γνώριμοι ἐτύγχανον ἐμοί, καὶ δὴ καὶ παρεκάλουν εὐθὺς ὡς ἐπὶ προσήκοντα πράγματά με. καὶ ἐγὼ θαυμαστὸν οὐδὲν ἔπαθον ὑπὸ νεότητος· ᾠήθην γὰρ αὐτοὺς ἔκ τινος ἀδίκου βίου ἐπὶ δίκαιον τρόπον ἄγοντας διοικήσειν δὴ τὴν πόλιν, ὥστε αὐτοῖς σφόδρα προσεῖχον τὸν νοῦν, τί πράξοιεν. καὶ ὁρῶν δήπου τοὺς ἄνδρας ἐν χρόνῳ ὀλίγῳ χρυσὸν ἀποδείξαντας τὴν ἔμπροσθεν πολιτείαν – τά τε ἄλλα καὶ φίλον ἄνδρα ἐμοὶ πρεσβύτερον Σωκράτη, ὃν ἐγὼ σχεδὸν οὐκ ἂν αἰσχυνοίμην εἰπὼν δικαιότατον εἶναι τῶν τότε, ἐπί τινα τῶν πολιτῶν μεθ' ἑτέρων ἔπεμπον, βίᾳ ἄξοντα ὡς ἀποθανούμενον, ἵνα δὴ μετέχοι τῶν πραγμάτων αὐτοῖς, εἴτε βούλοιτο εἴτε μή· ὁ δ' οὐκ ἐπείθετο, πᾶν δὲ παρεκινδύνευσεν παθεῖν πρὶν ἀνοσίων αὐτοῖς ἔργων γενέσθαι κοινωνός – ἃ δὴ πάντα καθορῶν καὶ εἴ τιν' ἄλλα τοιαῦτα οὐ σμικρά, ἐδυσχέρανά τε καὶ ἐμαυτὸν ἐπανήγαγον ἀπὸ τῶν τότε κακῶν.

A me quando ero giovane accadde ciò che accadde a molti; credevo, se fossi divenuto più velocemente padrone di me stesso, di poter subito arrivare alle cose comuni della città. E mi capitarono alcuni siffatti eventi tra quelli accaduti in città. Infatti essendo il tipo di governo criticato da molti, avvenne un cambiamento, e presiedettero il cambiamento cinquantuno arconti, dieci nella città bassa, dieci nel Pireo, trenta arconti tra tutti diventarono autocrati. Alcuni di questi abitanti erano anche miei parenti e già mi incoraggiarono subito verso azioni simili. Ed io non subii nulla di straordinario da uno più giovane; infatti credevo che questi passando da uno stile di vita deplorevole ad uno giusto avrebbero retto la città, così che pensavo molto a costoro, che cosa avrebbero fatto? E vedendo senza dubbio degli uomini in poco tempo mostrare la precedente costituzione come oro - le altre cose ed anche il mio vecchio amico Socrate, che io quasi non mi vergognerei di aver definito il più giusto tra quelli, andava verso uno dei cittadini con altri, tirandolo con forza come si fa con un cadavere, affinché già partecipasse agli aventi con questi, volente o nolente; ma quello non si lasciava persuadere, osò soffrire piuttosto che essere complice di azioni empie con costoro - avendo visto tutte queste cose, mi arrabbiai e mi allontanai da quelle malvagità.

Registrati via email