Genius 4190 punti

[newpage]

Plutarco - Emilio Paolo

XXVI - Parole di Emilio Paolo a Perseo sconfitto

ὁ δ', αἴσχιστον θέαμα, προβαλὼν αὑτὸν ἐπὶ στόμα, καὶ γονάτων δραξάμενος, ἀνεβάλλετο φωνὰς ἀγεννεῖς καὶ δεήσεις, ἃς οὐχ ὑπέμεινεν οὐδ' ἤκουσεν ὁ Αἰμίλιος, ἀλλὰ προσβλέψας αὐτὸν ἀλγοῦντι καὶ λελυπημένῳ τῷ προσώπῳ· τί τῆς τύχης εἶπεν ὦ ταλαίπωρε τὸ μέγιστον ἀφαιρεῖς τῶν ἐγκλημάτων, ταῦτα πράττων ἀφ' ὧν δόξεις οὐ παρ' ἀξίαν ἀτυχεῖν, οὐδὲ τοῦ νῦν, ἀλλὰ τοῦ πάλαι δαίμονος ἀνάξιος γεγονέναι; τί δέ μου καταβάλλεις τὴν νίκην καὶ τὸ κατόρθωμα ποιεῖς μικρόν, ἐπιδεικνύμενος ἑαυτὸν οὐ γενναῖον οὐδὲ πρέποντα Ῥωμαίοις ἀνταγωνιστήν; ἀρετή τοι δυστυχοῦσι μεγάλην ἔχει μοῖραν αἰδοῦς καὶ παρὰ πολεμίοις, δειλία δὲ Ῥωμαίοις κἂν εὐποτμῇ πάντων ἀτιμότατον.


Perseo, spettacolo vergognoso, essendosi gettato bocconi, e allungandosi verso le ginocchia di Emilio cominciava a dire parole vili, e suppliche, che Emilio non tollerava, né volle ascoltare, ma guardandolo con un'espressione triste e sofferente, disse:
"Perché mai, o disgraziato, cancelli la più grave delle accuse contro la fortuna, facendo ciò, a causa delle quali sembrerà che tu sia immeritatamente sciagurato, e che sia stato indegno del destino tuo, non quello presente, ma quello passato? Perché sminuisci la mia vittoria, e rendi vile la mia impresa, mostrando te stesso non nobile, né degno avversario dei Romani? Il valore ha in sé gran parte di rispetto per gli sconfitti anche da parte dei nemici: ma la codardia, anche se baciata dalla fortuna, è per i Romani assolutamente disprezzabile".

Registrati via email