Sapiens 1729 punti

Esopo - La vecchia e il medico

Γραῖα νοσούσα τοὺς ὀφθαλμούς ἰατρὸν ἐπὶ μισθῷ παρεκάλει. Ὁ δὲ ἐφ’ ἡμέρᾳ ἑκάστῃ εἰσῄει εἰς τὴν οἰκίαν αὐτῆς ὅπως ιῷτο, καὶ ἐκείνης συμμυούσης τὰ σκεύη τῆς οἰκίας ὑφῃρεῖτο. Ἐπειδὴ αὐτὴν ἰασᾶτο (ἀλλὰ δὲ καὶ πάντα τὰ σκεύη ἐξεφόρει), ἀπῄτει τὸν μισθόν. Ἐπεὶ δ’ ἡ γραῖα οὐκ ἐβούλετο, αὐτὴν ἦγεν ὁ ἰατρὸς ἐπὶ τοὺς δικαστάς. Ἡ δὲ ἔλεγε τὸν μισθὸν ὑπεσχῆσθαι, ἐὰν θεραπεύσῃ ὁ ἰατρὸς αὐτῆς τοὺς ὀφθαλμούς· «Ἀλλὰ» ἔφη «τότε μὲν ἔβλεπον πάντα τὰ σκεύη, νῦν δ’ουδὲν ὁρᾶν δύναμαι».

Una vecchia che era malata agli occhi chiamava un medico tramite una ricompensa. In ogni giorno si presentava presso la sua casa perché la guarisse, e mentre quella teneva gli occhi chiusi rubava gli arredi della casa. Dopo che la ebbe guarita (ma anche dopo che portava via tutti gli arredi), esigeva il tributo. Poiché la vecchia non voleva, il medico la portava dai giudici. Lei diceva che aveva promesso la ricompensa, se il medico avesse guarito i suoi occhi: «Ma» diceva «prima vedevo tutti gli arredi, ora non riesco a vedere nulla».

Registrati via email