pser di pser
Ominide 5819 punti

Creso e Solone

INIZIO: Κροισος ο λυδων βασιλευς μεγαλας κεκτημενος δυναμεις, πολυν σεσωρευκως...
FINE: οτι μη νομιστεον πλουσιωτατους τους τα πλειστα κεκτημενους

Creso, re dei Lidi, possedendo molte ricchezze, e avendo accumulato molto argento e oro, mandava a chiamare i più saggi dei Greci e, passando molto tempo con loro, decise di inviarli molti doni, e li appoggiò molto per avere in cambio la virtù. Una volta, chiamato Solone e mostratigli le sua ricchezze, chiese se gli sembrava che qualcun altro potesse essere più felice di lui. Solone disse che nessuno dei mortali di può considerare felice: infatti colui che si è inorgoglito per la felicità e sembra che abbia la sorte che lo aiuta non sa se rimarrà con lui fino alla fine. Disse che bisogna considerare dunque la fine della vita e colui che allora è felice considerare in modo giusto felice. Il re rispose: “ Forse che credi che io non sia la persona più felice? “ E Solone, rispondendo in questo modo, gli insegnò che non bisogna considerare più ricchi coloro che hanno grandi possedimenti.

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email