Che materia stai cercando?

La figura di Folchetto di Marsiglia nella «Commedia» di Dante - Tesi

La tesi (triennale), dallo stampo compilativo e della lunghezza di 76 pp., rappresenta uno studio approfondito sulla figura di Folchetto, vescovo di Marsiglia, che compare nel canto IX del Paradiso della Commedia di Dante. Il personaggio è poco conosciuto e poco studiato. Nella mia tesi ne ricostruisco la turbolenta vita (segnata da amori fatali e dall'incontro con figure d'eccezione come San... Vedi di più

Materia di Filologia romanza relatore Prof. F. Zambon

Ulteriori informazioni

PAGINE

82

PESO

305.50 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE TESI

La tesi (triennale), dallo stampo compilativo e della lunghezza di 76 pp., rappresenta uno studio approfondito sulla figura di Folchetto, vescovo di Marsiglia, che compare nel canto IX del Paradiso della Commedia di Dante. Il personaggio è poco conosciuto e poco studiato. Nella mia tesi ne ricostruisco la turbolenta vita (segnata da amori fatali e dall'incontro con figure d'eccezione come San Domenico e Raab) e delineo i tratti fondamentali della sua poesia. La tesi mi è valsa la votazione finale di 104 su 110.


Le righe seguenti sono tratte dall'Introduzione alla mia tesi:
"La figura di Folchetto di Marsiglia fu molto importante nella sua epoca: egli fu un trovatore occitanico di origine italiana attivo nell’ultimo ventennio del XII secolo, divenuto prima monaco cistercense poi vescovo di Tolosa nell’epoca della repressione dell’eresia albigese, cioè di quella variante del catarismo che si era diffusa a partire dalla fine del XI secolo nel Languedoc occidentale (in particolare nella città di Albi, da cui prese il nome) ed era basata su una dottrina dualistica che vedeva il bene e il male come forze in continuo conflitto.
Lo studio che segue intende analizzare questo personaggio quale è rappresentato da Dante nel canto IX del Paradiso della Commedia. Nella prima parte, abbiamo ripercorso la biografia del trovatore e del vescovo. Per quanto riguarda almeno gli ultimi 25 anni della sua vita, la carriera religiosa e il rilevante ruolo politico in un momento così intenso della storia quale è stata la prima metà del XIII secolo fanno di Folchetto un personaggio abbastanza conosciuto; molto frequente è per questo la sua presenza in documenti dell’epoca ( ). Egli era infatti particolarmente stimato per i suoi meriti di predicatore e soprattutto per la sua ferma ostilità nei confronti degli eretici ( ). Per questa sua intensa attività, non di rado era indicato come “venerabile” e come “santo”, e molti erano quelli che raccontavano miracoli da lui compiuti in vita ( ).
Ma la notorietà di Folchetto è dovuta anche ai suoi amori di gioventù, cantati in un importante canzoniere lirico; anche se molti li considerano puri temi poetici, sono rimaste famose le relazioni che egli intrecciò con Azalais, moglie del suo signore Barral, poi con le sorelle del visconte e infine con la stessa imperatrice Eudossia. Per tutto ciò, purtroppo, ci dobbiamo accontentare di rifarci – oltre che alle poesie dello stesso Folchetto – a fonti tradizionali e non sempre del tutto attendibili quali la vida e le razos.
Nella seconda parte del lavoro, abbiamo preso in esame i rapporti di Folchetto con Dante, mettendo in evidenza quanto il poeta fiorentino si ispirò alla vita e alle opere del trovatore. Il discorso verte essenzialmente sul canto IX del Paradiso; ma l’influenza che l’insigne trovatore ebbe nei confronti di Dante non si limitò al suo testo maggiore: esso può essere riscontrato anche in molti altri aspetti della sua opera. Le ragioni di tale influenza andranno ricercate innanzitutto nello stile sorvegliatissimo, ricco di artifici retorici e profondamente influenzato dagli autori classici, in cui emerge il gusto per le personificazioni di concetti astratti e per un’accentuata sentenziosità; una poesia che evidenzia la capacità di Folchetto di rielaborare e rendere disponibili all’imitazione concetti, immagini e formule elaborati dalle generazioni trobadoriche precedenti e che i siciliani mostrano di apprezzare ( ).
Non deve essere poi trascurato, in relazione alla valutazione di Dante, il ruolo di miles Christi che il trovatore, abbandonato il secolo, assunse nei quasi trent’anni di vescovato tolosano, quando nell’attività pastorale a fianco di san Domenico prima, nella vicenda politica e sul campo di battaglia poi, divenne una figura di primo piano nella storia dell’Occitania nei primi decenni del XIII secolo. In questo modo, come vedremo, esso divenne per Dante un modello poetico-religioso di grande prestigio e quasi una sua proiezione ideale".


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in filologia e critica letteraria
SSD:
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher SolidSnake86 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filologia romanza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Zambon Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filologia romanza

Amore, matrimonio e adulterio nell'«Erec e Enide» e nel «Lancillotto» di Chrétien de Troyes
Tesi
Tesi - Un cavaliere atipico alla corte di Artù. La figura di Dinadano nella Tavola Ritonda
Tesi
Storia greca - Cronologia
Appunto
Riassunto esame Storia del teatro e dello spettacolo, prof. Pietrini, libro consigliato Teatro, arte, politica, Modena
Appunto