Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Spinta delle terre

Materiale didattico per il corso di Geotecnica del Prof. Johann Facciorusso, all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: la spinta delle terre e la teoria di Rankine; il coefficiente di spinta attiva; Teoria di Coulomb; teoria di Caqu

... Espandi »ot e Kérisel; la pressione interstiziale; incremento della spinta attiva dovuta a carichi applicati sul terrapieno; effetto del costipamento meccanico del terrapieno. « Comprimi
Download Gratis

Media: 5

  • 22
  • 21-02-2012
1di 26 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Spinta delle terre
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Questo contenuto si trova sul sito http://www.dicea.unifi.it/~johannf/
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.
Anteprima Testo:
Capitolo 13 SPINTA DELLE TERRE CAPITOLO 13 SPINTA DELLE TERRE La determinazione della spinta esercitata dal terreno contro un’opera di sostegno è un problema classico di ingegneria geotecnica che, ancora oggi, nonostante l’enorme ampliamento delle conoscenze, viene affrontato utilizzando due teorie “storiche”, opportunamente modificate e integrate alla luce del principio delle tensioni efficaci: la teoria di Rankine (1857) e la teoria di Coulomb (1776). Entrambi i metodi assumono superfici di scorrimento piane, ma per effetto dell’attrito fra la parete e il terreno, le reali superfici di scorrimento sono in parte curvilinee, ed risultati che si ottengono applicando i metodi classici, specie per le condizioni di spinta passiva (resistente) sono spesso non cautelativi. È pertanto opportuno riferirsi, almeno per il calcolo della spinta passiva, al metodo di Caquot e Kérisel (1948) che è il più noto e applicato metodo fra quelli che assumono superfici di scorrimento curvilinee. 13.1 Teo... Espandi »ria di Rankine (1857) Si consideri un generico punto A alla profondità Z in un deposito di terreno incoerente (c’ = 0), omogeneo e asciutto (o coZ munque sopra falda), avente peσ’v0 = γ Z so di volume γ costante con la profondità, e delimitato σ’ = K σ’ h0 0 v0 superiormente da una superficie A piana e orizzontale (Figura 13.1). Per ragioni di simmetria lo stato tensionale (geostatico) è assialsimmetrico. La pressione inter- Figura 13.1 – Tensioni geostatiche in un deposito di terreno omogeneo, incoerente, delimitato da una superificie piana e stiziale è zero (terreno asciutto), orizzontale per cui le tensioni totali ed efficaci coincidono. Nel punto A: - la tensione verticale σ'v0 è staticamente determinata dalla condizione di equilibrio alla traslazione in direzione verticale, e vale: σ'v0 = γZ; - la tensione orizzontale σ'h0 è eguale in tutte le direzioni, non è staticamente determinata, e vale: σ'h0 = K0 σ'v0. 225 Dipartimento di Ingegneria Civile – Sezione Geotecnica, Università degli Studi di Firenze J. Facciorusso, C. Madiai, G. Vannucchi – Dispense di Geotecnica (Rev. Settembre 2006) Capitolo 13 SPINTA DELLE TERRE Il coefficiente di spinta a riposo, K0, può essere misurato sperimentalmente o più spesso stimato con formule empiriche1. Poiché di norma K0 è minore di 1, la tensione verticale σ'v0 corrisponde alla tensione principale maggiore σ'1, mentre la tensione orizzontale σ'h0 corrisponde alla tensione principale minore σ'3. Per simmetria assiale la tensione pr « Comprimi
Contenuti correlati