Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Spagna, Svizzera e Germania - Forma di Governo

Materiale didattico per il corso di Diritto costituzionale italiano e comparato della prof.ssa Giulia Carnevale. Al suo interno sono affrontati i seguenti argomenti: la forma di governo spagnola, il ruolo della Corona di Spagna e del Parlamento; la f

... Espandi »orma di governo della Svizzera; la forma di governo della Germaniae la Repubblica di Weimar. « Comprimi
Download Gratis

Media: 5

  • 28
  • 13-08-2011
1di 11 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Spagna, Svizzera e Germania - Forma di Governo
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Questo contenuto si trova sul sito http://www.dts.uniroma1.it/index.php?option=com_content&task=view&id=325&Itemid=27
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.
Anteprima Testo:
Diritto costituzionale italiano e comparato (P-Z) Nona settimana di lezioni 2011 La forma di governo spagnola 9 maggio 2011 Schema della lezione (dott.ssa Laura Frosina) SOMMARIO: 1. Le origini della Costituzione spagnola del 1978 (Ce). 2. La forma di governo monarchico-parlamentare. 2.1. La Corona 2.2. Il Parlamento 2.3. Il Governo 3. L’evoluzione della forma di governo nella prassi 1. Le origini della Costituzione spagnola del 1978 (Ce). La Costituzione spagnola del 27 dicembre 1978, seguita alla quarantennale fase del regime autoritario franchista (1936-1975), ha consacrato il passaggio della Spagna da Stato autoritario a Stato di diritto “democratico” e “sociale” che individua nella libertà, nella giustizia, nell’uguaglianza e nel pluralismo politico i valori fondanti del proprio ordinamento giuridico. La Transizione alla democrazia si è compiuta nell’arco di soli tre anni (1975-1978) per mezzo di un processo di ristrutturazione politico-istituzionale interno guidato sostanzialm... Espandi »ente dal Re Juan Carlos di Borbone. Con la morte del dittatore Francisco Franco, il 20 novembre 1975, Juan Carlos di Borbone sale al trono automaticamente in base alla legge sulla successione del 26 luglio 1947. Egli decide di mantenere alla presidenza del governo l’ultimo presidente del regime franchista, Carlos Arias Navarro, che preannuncia una progressiva liberalizzazione del regime e l’elezione prossima di un parlamento bicamerale in funzione costituente. Il 9 giugno 1976, con l’approvazione della nuova Legge per le associazioni politiche, inizia un processo di liberalizzazione del sistema politico che porta alla costituzione di nuovi partiti. Il 3 luglio 1976 viene chiamato alla presidenza del governo il centrista, Adolfo Suarez, che presenta alle Cortes franchiste un progetto di legge per attuare la riforma politica, c.d. Ley para la Reforma política. Tale progetto, che prevede l’elezione diretta a suffragio universale di un nuovo Parlamento bicamerale, viene approvato dalle Cortes franchiste e ratificato poi con referendum il 15 dicembre 1976 dal corpo elettorale ad ampia maggioranza. Il 15 giugno 1977, in base alla legge di riforma politica, si svolgono le elezioni per le nuove Cortes Generales. Il 22 luglio 1977 Juan Carlos presiede la sessione inaugurale del Parlamento neoeletto composto dal Congresso dei Deputati e dal Senato. All’interno del Congresso dei Deputati viene istituita una Commissione costituzionale incaricata di redigere il progetto definitivo di Cost « Comprimi