Espressione Genica negli Eucarioti - Regolazione

Dispense di Biologia Applicata. Il file pdf tratta la Regolazione dell'espressione genica negli eucarioti. Codice genetico degli zigoti. Meccanismi di controllo della trascrizione. Sequenze del DNA. Mappatura. Sequenze promoter. Filamenti dei DNA. Enzima polimerasi. TATA Box e CAAT box.

  • Esame di Biologia applicata docente Prof. A. Cicero
  • Università: Foggia - Unifg
  • CdL: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
  • SSD:
I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Biologia applicata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Cicero A..
Pagine totali: 48
 
1di 48
 
+ -
 
>
Espressione Genica negli Eucarioti - Regolazione
Questo contenuto si trova sul sito http://www.medicina.unifg.it
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.
Anteprima Testo:
REGOLAZIONE DELL’ESPRESSIONE GENICA NEGLI EUCARIOTI Ogni cellula differenziata contiene proteine necessarie per il mantenimento delle funzioni metaboliche generali e proteine specifiche per quel particolare stato differenziato. Poiché le cellule di un organismo mantengono, anche se differenziate, tutta l’informazione genetica della specie e quindi la stessa informazione genetica dello zigote, la sintesi di proteine caratteristiche per ogni tipo cellulare differenziato dipende da attivazione differenziale di geni specifici. Questo comporta un controllo dell’espressione dell’informazione genetica. Per il raggiungimento dello stato differenziato (durante lo sviluppo) è necessario che alcuni geni siano espressi secondo precisi rapporti spazio-temporali.
Dopo il raggiungimento dello stato differenziato, nei vari tipi di cellule sono in funzione geni: 1) che vengono continuamente trascritti perché codificano per proteine necessarie per il mantenimento di funzioni generali ( es.: il gene per l’actina, i geni per enzimi, quali la glucoso-6-fosfato deidrogenasi, ecc.) e 2) geni espressi solo in un particolare tipo di cellule e in momenti ben precisi, in risposta a determinati stimoli. I primi sono chiamati “housekeeping genes”: “geni domestici” e sono riconosciuti da attivatori ubiquitari, cioè presenti in tutte le cellule. Vengono considerati “geni costitutivi”. I secondi sono “geni regolati” e nel promotore contengono elementi (sequenze nucleotidiche) riconosciuti solo da attivatori presenti in quel tipo di cellula e in quel determinato momento.
Il nucleo di cellule differenziate contiene tutta l’informazione genetica dello zigote Per i dettagli si rimanda a Karp J. : Biologia cellulare e molecolare EdiSES
Negli organismi eucarioti • La regolazione dell’espressione genica avviene principalmente su tre livelli: • Controllo a livello della trascrizione: determina quando e quanto spesso un gene deve essere trascritto. • Controllo a livello della maturazione: determina la via attraverso la quale il trascritto primario di RNA diventa un RNA messaggero maturo. • Controllo a livello della traduzione: determina quando, quanto frequentemente e per quanto tempo un mRNA deve essere tradotto. • A questi si aggiunge un controllo post-traduzionale: determina la maturazione funzionale delle proteine.
Il controllo della trascrizione rappresenta un livello cruciale per la regolazione dell’espressione genica perché con esso le cellule eucarioti determinano quali geni devono essere attivati o spenti e di conseguenza quali proteine devono essere sintetizzate in ogni preciso momento della vita cellulare.
Controllo a livello della trascrizione • • • • • •
Il controllo trascrizionale è regolato dall’azione di molte proteine: i fattori di trascrizione. Questi possono essere distinti in due classi funzionali: fattori di trascrizione generali, che si legano agli elementi della regione fondament
Trova ripetizioni online e lezioni private