Poetiche delle avanguardie di teatro da Alfred Jarry a Antonin Artaud

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Metodolgie per la ricerca sullo spettacolo tenuto dalla professoressa Silvia Carandini.
Vengono trattati testi e documenti relativi ai principali movimenti artistici che soprattutto in Francia, a partire dalla scena simbolista, operano una rottura del sistema dello spettacolo in tutte le sue coordinate: drammaturgia, recitazione, scena. Il periodo è segnato dalle poetiche “utopiche” di letterati e uomini di teatro intesi progettare un teatro per il futuro. In questa direzione, letterati come Mallarmé, Alfred Jarry e Paul Claudel, autori drammatici di un repertorio innovativo reso disponibile in traduzione, come Ibsen, Strindberg e Pirandello, registi e attori come Aurélien Lugné-Poe, Jacques Copeau, Charles Dullin, Louis Jouvet, esponenti delle avanguardie futuriste, dadaiste e surrealiste contribuiscono ad affinare le coordinate di un’arte del teatro e di tecniche di scena e dell’attore profondamente innovative. Sarà la breve esperienza teatrale di Antonin Artaud negli anni ’20 e le sue prime elaborazioni teoriche agli inizi degli anni ’30 a segnare un traguardo ultimo e una svolta sintomatica, tale da influenzare poi in profondità le nuove avanguardie teatrali del dopoguerra.

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodologie per la ricerca sullo spettacolo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Carandini Silvia.
Download Gratis

Media: 4 su 1 valutazioni

  • 8
  • 15-12-2011
Pagine totali: 1
 
1di 1
 
+ -
 
>
Poetiche delle avanguardie di teatro da Alfred Jarry a Antonin Artaud

Altri contenuti per Metodologie per la ricerca sullo spettacolo

Altri contenuti per Lettere

Trova ripetizioni online e lezioni private