Intertestualità

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Letteratura italiana 3 tenuto dal professor Raffaele Giglio. Ogni autore nel momento in cui scrive anche opere di narrativa o di fantasia porta con sé, nel proprio racconto, dichiaratamente o meno, ovvero con coscienza o come ricordo che affiora nella parola scritta senza una coscienziosa ripresa, parte, brani, riferimenti o riprese di descrizioni e personaggi, che gli derivano da letture di altri testi fatte in precedenza. È questa l'intertestualità.
Esempi:
Testi biblici.
Classici latini: Lucano, Stazio, Cicerone, Orazio.
Testi medievali.

  • Esame di Letteratura italiana 3 docente Prof. R. Giglio
  • Università: Napoli Federico II - Unina
  • CdL: Corso Magistrale in filologia moderna
  • SSD:
I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura italiana 3 e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Giglio Raffaele.

Altri contenuti per Letteratura italiana

Trova ripetizioni online e lezioni private