Filologia micenea

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Civiltà Egee II tenuto dalla professoressa Anna Sacconi.
Nel 1952, con la decifrazione della scrittura lineare B, utilizzata nel II millennio a.C. per scrivere la lingua greca, nasce la filologia micenea, cioè lo studio filologico dei testi greci del
II millennio a.C. (micenei) e da allora gli studi relativi alla civiltà micenea si sviluppano su
due filoni distinti: il filone filologico ed il filone archeologico. I due filoni si servono di
metodologie diverse. Si fornisce la chiave di lettura filologica dei testi epigrafici greci del II
millennio a.C. (micenei) in scrittura lineare B. Introduzione allo studio paleografico e
linguistico dei testi micenei. I principali strumenti di lavoro in filologia micenea. Il metodo per l’interpretazione dei documenti micenei. Lettura filologica di testi in lineare B. L’archivio di testi in lineare B di Tebe.

  • Esame di Civiltà Egee II docente Prof. A. Sacconi
  • Università: La Sapienza - Uniroma1
  • CdL: Corso di laurea magistrale in filologia e letterature dell'antichità
  • SSD:
I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Civiltà Egee II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Sacconi Anna.
Pagine totali: 1
 
1di 1
 
+ -
 
>
Filologia micenea
Questo contenuto si trova sul sito http://www.disp.let.uniroma1.it/contents/SchedaDocente.aspx?idDocente=100
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.

Altri contenuti per Filologia e letterature dell'antichità

Trova ripetizioni online e lezioni private