Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Famiglia di fatto

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto di Famiglia e delle Successioni del Prof. Giovanni Furgiuele nell'anno accademico 2011.Il documento tratta i seguenti aspetti della famiglia di fatto: filiazione assistita, attribuzioni patrimoniali, comunione, trust, successione, separazione e divorzio, addebito, assegno divorzile.

Download Gratis

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 1
  • 16-06-2011
1di 14 pagine totali
 
+ -
 
>
Famiglia di fatto
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Questo contenuto si trova sul sito http://www.giuris.unifi.it/index.php?module=ofform&mode=2&cmd=1&AA=2011&fac=200005&ord=F&doc=3f2a362c3a2d2b
Skuola.net ne mostra un'anteprima a titolo informativo.
Anteprima Testo:
Parleremo   del   senso   del   problema   prettamente   tecnico   della   famiglia   di   fatto   e   cioè   la   valutazione   in   senso   specifico   delle   norme   che   sono   dettate   in   ordine   a   questo   particolare   argomento;   la   reazione,   questo   è   un   secondo   profilo,   da   un   punto   di   vista   giurisprudenziale,   quindi   sentenze;   poi   un   terzo   argomento   che   è   si   relativo   alla   famiglia   di   fatto,   ma   non   soltanto,   è   anche   un   tema   generale   ossia   il   rapporto   tra   autonomia   privata   e   relazioni   di   carattere  familiare.  
Norme  in   punto  di   famiglia  di   fatto  
Iniziamo  dall’articolo  199  c.p.p.:  questo  articolo  riguarda  la  facoltà  di  astensione  a  deporre   che   è   prevista   a   vantaggio   di   “chi,   pur   non   essendo   coniuge   dell’imputato,   come   tale   conviva   Norme   o   abbia   convissuto   con   esso”.   Questa   norma   è   una   considerazione   di   poter   svolgere   penalistiche   testimonianza  nei  confronti  di  chi  abbia  avuto  un  rapporto  personale  con  una  determinata   persona,  quindi  naturalmente  c’è  da  porsi  la  domanda  “conviva  o  abbia  convissuto”  vuol  dire   anche   chi   c’è   andato   una   volta   a   letto   insieme   Sembra   problematico   da   affermare   o   comunque  ci  sarebbero  delle  considerazioni  da  fare.  Poi  c’è  la  legge  del  6  Febbraio  2006    n.   38   che   nel   reprimere   e   nel   sanzionare   gli   abusi   verso   il   minore   prende   in   considerazione   il   “convivente”   del   genitore   a   cui   il   minore   sia   stato   affidato;   anche   questa   è   una   considerazione   che   naturalmente   per   quanto   riguarda   gli   abusi   sessuali   verso   il   minore   implica  un  allargamento  della  sfera  di  riferimento  nei  confronti  di  coloro  che  l’hanno  posta  in   essere.   Sono   norme   queste   di   carattere   relativo   alla   esperienza   che   si   realizza   in   forma   di   convivenza   Certo   senz’altro,   ma   sono   conseguenze   della   convivenza   o   sono   piuttosto   una   conseguenza   relativa   alla   capacità   di   svolgere   testimonianza   relativa   all’abuso   sessuale   nei   confronti   del   minore   Io   ho   la   sensazione   che   sono   norme   più   che   relative   alla   convivenza   intesa  come  fatto  sotteso  alla  capacità  di  testimoniare  cioè  il  fatto  che  in  certe  situazioni  non   può   esser   presa   sul   serio   la   testimonianza   di   certe   persone   o   all’abuso   sessuale   che   è   una   situazione   a   svantaggio   del   minore   e   che   nell’ambito   della   considerazione   ricomprende   anche   il   convivente,   per   forza   di   cose;   quindi   non   sono   tanto   norme   che   disciplinano   la   convivenza,  ma  sono  norme  che  in  ordine  a  specifici  rapporti  determinano  certe  conclusioni   che  coinvolgono  anche  il  convivente  di  fatto.  Significa  che  la  convivenza  è  ammissibile,  non  ci   sono  norme  che  sanzionino  il  rapporto  di  convivenza  in  senso  di  ritenerlo  illecito,  inattuabile,   insostenibile  e  così  via,  ma  sono  norme  che  dal  punto  di  vista  della  situazione  incidono  anche   nei   confronti   del   convivente,   ma   non   sono   dirette   a   disciplinare   il   rapporto   di   convivenza   disciplinato  di  per  se.   L’articolo   815   c.p.c.   è   relativo   all’arbitrato   (procedimento   particolare   che   tende   a   risolvere   problemi  di  carattere  decisorio  in  certe  situazioni  con  riferimento  ad  una  attività  che  viene   Norme   posta  in  essere  da  un  collegio  arbitrale  nominato  dalle  parti;  normalmente  in  forma  dispari   processuali   di   tre   persone,   uno   nominato   da   ciascuno   e   uno   nominato   o   d’accordo   tra   i   due   o   in   ambito   giudiziale).  Ora  l’art.185  c.p.c.  prevede  che  un  arbitro  possa  essere  rEspandi »icusato  talaltro  quando   “egli  stesso  o  il  coniuge  è  parente  entro  il  4°  grado  o  è  convivente  o  commensale  abituale  di   una  delle  parti  (cioè  ci  va  a  mangiare  insieme)  di  un  rappresentante  legale  delle  parti  o  di  uno   dei   difensori”   norma   introdotta   dal   decreto   del   2   febbraio   2006   n.40.   Quindi   che   cosa   esclude  Esclude  che  possa  far  parte  del  collegio  arbitrale  chi  ha  rapporti  particolari  o  come   parente   o   come   convivente,   e   inteso   in   senso   ampio   questa   figura   del   convivente,   o   un    
15  
rapporto   particolare   di   amicizia,   in   questa   ipotesi   la   persona   che   ha   questa   particolare   situazione   viene   escluso   dalla   possibilità   di   far   parte   del   collegio   arbitrale.   Anche   questa   è   una   norma   che   risulta   dettata   non   tanto   in   relazione   a   profili   di   disciplina   o   di   valutazione   di   un   rapporto   di   convivenza;   tende   ad   escludere   che   possa   aversi   una   interferenza   tra   il   rapporto  di  fatto  e  il  collegio  arbitrale;  amplia  la  valutazione  della  esclusione  di  determinati   soggetti  dalla  possibilità  di  arbitrare.     Poi   un’altra   norma   che   direi   analoga,   in   materia   di   assicurazioni   obbligatorie:   art.   129   del   decreto   legge   del   7   settembre   2005,   n.209,   non   considera   terzo,   e   quindi   non   riconosce   il   Norme   diritto   ai   benefici   derivanti   dalla   assicurazione   stessa   anche   il   coniuge   non   legalmente   assicurative   separato,   il   convivente   more   uxorio,   ascendenti   e   discendenti   legittimi   e   naturali:   questi   non   possono  essere  considerati  terzi.  Che  cosa  vuol  dire  tutto  ciò  Vuol  dire  che  da  un  punto  di   vista  di  ciò  che  è  proprio  della  vicenda  che  scaturiscono  da  un  rapporto  assicurativo,  si  tende   ad  escludere  dei  soggetti  e  all’interno  di  questa  categoria  di  soggetti  viene  collocata  anche  la   persona  del  convivente  more  uxorio;  che  cosa  significa  questa  norma  È  una  conferma  che  il   rapporto  di  convivenza  di  fatto  è  ammissibile,  tanto  che  nell’ambito  di  questa  valutazione  se   ne  hanno  dei  riflessi  circa  la  possibilità  di  essere  considerato  terzo,  qui  si  tende  ad  escludere.   C’è  dell’altro:  queste  sono  norme  abbastanza  recenti  successive  al  2000.  Ora  vi  è  un’ulteriore   indicazione   nell’ambito   della   legge   del   19   febbraio   2004   art.   9,   sulla   procreazione   Filiazione   medicalmente  assistita,  di  cui  parleremo  meglio  più  avanti.  In  questa  ipotesi  si  prevede  che  si   assistita  e   possa   ricorrere   a   tecniche   di   procreazione   medicalmente   assistita   di   tipo   eterologo   in   adozione   violazione  del  divieto  di  cui  all’origine  della  normativa  sempre  che  il  convivente  abbia  dato  il   consenso  a  tale  tecnica.  E  naturalmente  nell’ambito  di  questa  ipotesi  si  prevede  la  possibilità   di   avere   la   convivenza   in   linea   di   fatto;   è   considerato   come   strumento   per   realizzare   la   procreazione   medicalmente   assistita   quindi   non   viene   esclusa,   ma   viene   confermata   da   questa.   L’adozione   è   consentita   a   coniugi   uniti   in   matrimonio   da   almeno   tre   anni   e   nel   calcolo  di  questi  tre  anni  si  considera  anche  il  rapporto  di  convivenza,  in  base  alla  legge  del   28  marzo  2001.   Poi  oltre  a  queste  indicazioni  ce  n’è  un’altra,  non  nell’ambito  di  queste  particolari  ipotesi  ma   nell’ambito  del  cosiddetto  regolamento  anagrafico;  quindi  è  una  legge  anteriore  al  2000,  è   Famiglia   una   normativa   n.   223   del   1989,   in   base   alla   quale,   agli   effetti   anagrafici,   per   famiglia,   si   anagrafica   intende   un   ins « Comprimi
Contenuti correlati