Arte a Roma nel seicento e nel settecento

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Storia dell'arte moderna I A tenuto dal professor Vincenzo Bilardello.
Nel Seicento Roma raggiunge il suo massimo splendore per la compresenza di una pletora di geni - Bernini, Borromini, Pietro da Cortona, Carlo Rainaldi su tutti - e di committenti esigenti e amanti del bello. L'arte barocca si evolve lentamente verso la fase rococò e infine verso quella neoclassica, completando la facies della città che conosciamo. Incredibilmente, anche altre epoche - l'antico, il medioevo ed il rinascimento - saranno assorbite entro un ritmo visivo e concettuale barocco. Oltre a fornire delle succinte monografie degli artisti più impegnativi, il modulo darà risalto a quella congerie di opere che costituiscono il tessuto connettivo della città: Le Quattro Fontane, Piazza del Quirinale, Piazza Navona, Fontana di Trevi, Piazza dei Burrò, fino a concludersi cronologicamente con l'ultima grande piazza romana, detta del Popolo, del Valadier.

  • Esame di Storia dell'arte moderna I A docente Prof. V. Bilardello
  • Università: La Sapienza - Uniroma1
  • CdL: Corso di laurea in lettere (letterature - linguaggi - comunicazione culturale)
  • SSD:
I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte moderna I A e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Bilardello Vincenzo.
Pagine totali: 1
 
1di 1
 
+ -
 
>
Arte a Roma nel seicento e nel settecento

Altri contenuti per Storia dell'arte moderna

 

Questioni di storia dell'arte


· La Sapienza - Uniroma1
Gratis

Altri contenuti per Lettere

Trova ripetizioni online e lezioni private