Che materia stai cercando?

Definizioni di 'slavo' Appunti scolastici Premium

Questo appunto si riferisce al corso di Filologia slava tenuto dalla professoressa Nicoletta Marcialis. Il protoslavo è la lingua ricostruita, anche definita slavo comune. Il paleoslavo o antico slavo ecclesiastico è la lingua delle prime traduzioni attestata da codici del X-XI sec. vergati in Bulgaria e Macedonia, anche... Vedi di più

Esame di Filologia slava docente Prof. N. Marcialis

Ulteriori informazioni

PAGINE

2

PESO

324.46 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Questo appunto si riferisce al corso di Filologia slava tenuto dalla professoressa Nicoletta Marcialis. Il protoslavo è la lingua ricostruita, anche definita slavo comune. Il paleoslavo o antico slavo ecclesiastico è la lingua delle prime traduzioni attestata da codici del X-XI sec. vergati in Bulgaria e Macedonia, anche definita antico bulgaro. Nel XII secolo si parla ormai di tre gruppo autonomi, slavo meridionale, slavo orientale e slavo occidentale. A livello artificiale si parla invece di slavo ecclesiastico di redazione bulgara, serba, croata, boema, slava orientale (moscovita o rutena), anche chiamato slavone o slavonico.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e letterature moderne
SSD:
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filologia slava e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Marcialis Nicoletta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filologia slava

Introduzione alla filologia slava
Appunto
Sonoranti nelle lingue slave
Appunto
Fonti sugli slavi
Appunto
Vangelo di Marco, XIV-XVI
Appunto