Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Artimie minacciose

Slides di emergenze medico chirurgiche sulle aritmie minacciose del prof. Meucci. Gli argomenti trattati sono: il ritmo sinusale, la classificazione delle urgenze aritmiche, tachiaritmie sopraventricolari, manovre vagali, tachicardie a complessi stretti, tachicardie ventricolari, etc.etc.

  • Per l'esame di Emergenze medico chirurgiche del Prof. F. Meucci
  • Università: Firenze - Unifi
  • CdL: Corso di laurea magistrale in Biotecnologie mediche e farmaceutiche
  • SSD:
Compra 2.99 €

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 01-05-2013
di 102 pagine totali
 
+ -
 
>
Artimie minacciose
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
LE ARITMIE MINACCIOSE
Dr. Francesco Meucci Dipartimento del Cuore e vasi Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze
Le urgenze aritmiche sono disturbi del ritmo cardiaco
Potenzialmente mortali
Con impegno emodinamico
Aggravano una patologia preesistente
Il ritmo sinusale • Rhythm is regular • Rates 60-100 beats/minute • P waves uniform and present in front of each QRS and always positive in DII • PR interval .12-.20 seconds and is constant • QRS interval .06-.12
DII
Bradicardia sinusale < 60 b/min
Tachicardia sinusale >100 b/min
Tachicardia con Polso Valutazione ABC Somministra ossigeno Monitor ECG (identifica ritmo), Press. arteriosa, ossimetria Identifica e tratta le cause reversibili
Reperisci accesso EV Ottieni ECG 12 D o una striscia del monitor QRS stretto (<0.12 sec)
Si
Paziente stabile Segni di instabilità: stato mentale alterato, dolore toracico ingravescente, ipotensione o altri segni di shock
Si
No
QRS stretto Ritmo Regolare Si
Effettua manovre vagali Somministra adenosina 6 mg in bolo EV rapido. Se non c’è cardioversione, somministra 12 mg; puoi ripetere la dose di 12 mg una sola volta
Se cardioversione, probabile TSV da rientro Osserva per recidiva Tratta le recidive con adenosina o con agenti bloccanti il nodo AV a lunga durata (es: diltiazem, betabloccanti)
Effettuare cardioversione elettrica immediata Reperisci accesso EV,e seda il paziente se cosciente; non ritardare la CVE Considera valutazione di un esperto Se sopravviene PEA, vai ad algoritmo specifico
QRS largo: ritmo regolare Raccomandata consultazione di un esperto No
Tachicardia a complessi stretti irregolare Probabile fibrillazione atriale o possibile flutter atriale o tachicardia atriale multifocale Considera valutazione di un esperto Controlla la FC (es: diltiazem, betabloccanti)
Cardioversione a ritmo sinusale Si
No
No
Se NON cardioversione, possibile flutter atriale, tachicardia atriale ectopica, tachicardia giunzionale: Controlla la FC (es: diltiazem, betabloccanti) Tratta le cause sottostanti Considera valutazione di un esperto
Si
No
Se tachicardia ventricolare o ritmo incerto Amiodarone 150 mg IV in 10 minuti, repetibile se necessario sino ad una dose massima di 2.2 g/24 ore Prepara per cardioversione elettrica
Se FA con aberranza, vai a algoritmo TSV a QRS stretto e ritmo irregolare
Se TSV con aberranza, somministra adenosina e vai all’algoritmo TSV a QRS stretto e ritmo regolare
Se fibrillazione atriale con preeccitazione (FA + WPW), si consiglia valutazione di un esperto. Evita agenti bloccanti il nodo AV (es: adenosina, digossina, diltiazem, verapamil). Consider antiaritmici (es: amiodarone 150 mg IV in 10 min) Se TV polimorfa ricorrente, chiedi consulenza di un esperto Se Torsone di punta, somministra magnesio (1-2 grammi in 5-60 minuti, seguito da infusione)
Algoritmo Bradicardia • FC Lenta (bradicardia assoluta = <60 b/min) e inadeguata per le condizioni cliniche • • • •
Accertare l’ABC Somministrare ossigeno Monitor ECG (identificare ritmo), Pressione arteriosa, saturimetro Accesso venoso
Segni o sintomi di bassa perfusione dovuti alla bradicardia (Stato mentale alterato, dolore toracico ingravescente, ipotensione o altri segni di shock)
Perfusione adeguata
Osserva / monitorizza
Perfusione inadeguata
Prepara pacing transcutaneo Uso precoce per blocco di alto grado (Blocco di secondo grado tipo II, blocco terzo grado) Considera atropina 0.5 mg IV , in attesa del pacing. Si può ripetere sino ad un totale di 3 mg. Se inefficace inizia con pacing Considera adrenalina (2-10 ug/min) o dopamina (2-10 ug/kg/ min) infusione mentre attendi pacing o se pacing inefficace
Prepara per pacing transvenoso Tratta le cause Considera valutazione di un esperto
FC=150/min
FC=150/min
D 2
V 2
FC=118/min
FC=180/min
Tachicardia con Polso Valutazione ABC Somministra ossigeno Monitor ECG (identifica ritmo), Press. arteriosa, ossimetria Identifica e tratta le cause reversibili
Reperisci accesso EV Ottieni ECG 12 D o una striscia del monitor QRS stretto (<0.12 sec)
Si
Paziente stabile Segni di instabilità: stato mentale alterato, dolore toracico ingravescente, ipotensione o altri segni di shock
Si
No
QRS stretto Ritmo Regolare Si
Effettua manovre vagali Somministra adenosina 6 mg in bolo EV rapido. Se non c’è cardioversione, somministra 12 mg; puoi ripetere la dose di 12 mg una sola volta
Se cardioversione, probabile TSV da rientro Osserva per recidiva Tratta le recidive con adenosina o con agenti bloccanti il nodo AV a lunga durata (es: diltiazem, betabloccanti)
Effettuare cardioversione elettrica immediata Reperisci accesso EV,e seda il paziente se cosciente; non ritardarEspandi »e la CVE Considera valutazione di un esperto Se sopravviene PEA, vai ad algoritmo specifico
QRS largo: ritmo regolare Raccomandata consultazione di un esperto No
Tachicardia a complessi stretti irregolare Probabile fibrillazione atriale o possibile flutter atriale o tachicardia atriale multifocale Considera valutazione di un esperto Controlla la FC (es: diltiazem, betabloccanti)
Cardioversione a ritmo sinusale Si
No
No
Se NON cardioversione, possibile flutter atriale, tachicardia atriale ectopica, tachicardia giunzionale: Controlla la FC (es: diltiazem, betabloccanti) Tratta le cause sottostanti Considera valutazione di un esperto
Si
No
Se tachicardia ventricolare o ritmo incerto Amiodarone 150 mg IV in 10 minuti, repetibile se necessario sino ad una dose massima di 2.2 g/24 ore Prepara per cardioversione elettrica
Se FA con aberranza, vai a algoritmo TSV a QRS stretto e ritmo irregolare
Se TSV con aberranza, somministra adenosina e vai all’algoritmo TSV a QRS stretto e ritmo regolare
Se fibrillazione atriale con preeccitazione (FA + WPW), si consiglia valutazione di un esperto. Evita agenti bloccanti il nodo AV (es: adenosina, digossina, diltiazem, verapamil). Consider antiaritmici (es: amiodarone 150 mg IV in 10 min) Se TV polimorfa ricorrente, chiedi consulenza di un esperto Se Torsone di punta, somministra magnesio (1-2 grammi in 5-60 minuti, seguito da infusione)
FC=190/min
Algoritmo Bradicardia • FC Lenta (bradicardia assoluta = <60 b/min) e inadeguata per le condizioni cliniche • • • •
Accertare l’ABC Somministrare ossigeno Monitor ECG (identificare ritmo), Pressione arteriosa, saturimetro Accesso venoso
Segni o sintomi di bassa perfusione dovuti alla bradicardia (Stato mentale alterato, dolore toracico ingravescente, ipotensione o altri segni di shock)
Perfusione adeguata
Osserva / monitorizza
Perfusione inadeguata
Prepara pacing transcutaneo Uso precoce per blocco di alto grado (Blocco di secondo grado tipo II, blocco terzo grado) Considera atropina 0.5 mg IV , in attesa del pacing. Si può ripetere sino ad un totale di 3 mg. Se inefficace inizia con pacing Considera adrenalina (2-10 ug/min) o dopamina (2-10 ug/kg/ min) infusione mentre attendi pacing o se pacing inefficace
Prepara per pacing transvenoso Tratta le cause Considera valutazione di un esperto
FC=40/min
Sinus bradycardia at a rate of 40 to 48
FC=58/min
FC=38/min
Classificazione delle urgenze aritmiche Tachiaritmie Sopraventricolari Ventricolari QRS < 120 msec QRS > 120 msec
sempre QRS > 120 msec
Bradiaritmie
SopraHissiane InfraHissiane
Tachiaritmie sopraventricolari QRS in genere<120msec
TPSV Tachicardia atriale multifocale (5%) Tachicardia parossistica atrioventricolare (AVRT), via accessoria extranodale (20-25%) Tachicardia parossistica nodale atrioventricolare (AVNRT); la più frequente (65-70%)
Fibrillazione atriale Flutter atriale
•Le aritmie sopraventricolari sono più frequenti nei cardiopatici (ad es. l’incidenza è 11% nei pazienti con CHF) •La fibrillazione atriale è di gran lunga l’aritmia più frequente ed è “un capitolo a sé” (linee guida diversificate) •Il flutter atriale è quasi sempre associato ad una causa scatenante acuta (es polmonite, IMA) o a patologia cronica (es ipertensione, BPCO, cardiopatia ischemica o valvolare, CHF) •Le altre aritmie sopraventricolari sono complessivamente meno frequenti di FA e flutter atriale e più spesso sono “isolate” (non cardiopatia sottostante)
Due meccanismi fondamentali alla base di tutte le tachiaritmie sopraventricolari

Automatismo dell’impulso alterato

Alterazioni della conduzione dell’impulso (Circuiti di rientro)
Reentry
Panel A: Most impulses conduct down both pathways.
Panel B: Unidirectional block, due to longer refractoriness in one pathway.
Panel C: Potential to have reentry back up the previously refractory pathway
Panel D: Reentry then can persist.
SUMMARY Mechanisms of SVT
SP
Atrial Tachycardia
FP
AVNRT
AVRT
Visto che alcune tachicardie coinvolgono il nodo atrio-ventricolare e altre no……
CLASSIFICAZIONE • A-V NODE-INDEPENDENT TACHYCARDIAS • A-V NODE-DEPENDENT TACHYCARDIAS
A-V NODE-INDEPENDENT TACHYCARDIAS • TACHICARDIA SINUSALE • TACHICARDIA ATRIALE • FLUTTER ATRIALE TIPICO (COMUNE – NON COMUNE) ATIPICO • FIBRILLAZIONE ATRIALE
A-V NODE-DEPENDENT TACHYCARDIAS • TACHICARDIE DA RIENTRO NODALE • TACHICARDIE DA RIENTRO ATRIOVENTRICOLARE • TACHICARDIA AUTOMATICA GIUNZIONALE
Atrial Tachycardia • Ectopic atrial focus – Reentrant, automatic or triggered
• • • •
150-250 bpm 1:1 AV conduction Paroxysmal or “warm up” P wave morphology variable
Multifocal Atrial Tachycardia (Wandering pace-maker)
Tipica della patologia polmonar « Comprimi
Contenuti correlati