Il volontariato


Per volontariato s’intende un fenomeno molto variegato cui danno vita le persone che, per scelta personale, dedicano una parte o tutto il loro tempo a aiutare chi è bisognoso e senza riceverne alcun compenso.
Il volontariato è sempre esistito, fin dai tempi più antichi, quando è stato legato esclusivamente a forme di assistenza religiosa. Nei tempi moderni il fenomeno riguarda anche forme di assistenza laica ed è andato sempre più crescendo, malgrado sia poco noto. Il volontariato spesso infatti non “fa” notizia perché riguarda attività che si svolgono senza clamore.
La maggior parte delle persone che vi si dedicano fanno parte di associazioni di vari genere, di partiti o di sindacati. Vi sono anche molti “obiettori di coscienza”, giovani che preferiscono svolgere questo servizio civile al posto del servizio militare. Le principali configurazioni di questa solidarietà sono rivolte all’assistenza agli anziani, agli ammalati, ai tossicodipendenti, agli handicappati, ai carcerati. Si manifestano, inoltre, con donazioni di sangue e con interventi di pronto soccorso. A questi “servizi” tradizionali, vanno aggiunte oggi forme nuove di assistenza, quella agli immigrati del Terzo Mondo e quella relativa alla difesa dell’ambiente.
Le associazioni di volontariato sono molte, a livello nazionale o locale. Tra le più importanti e articolate su tutto il territorio, ricordiamo: l’Avis (Associazione volontari italiani del sangue) i cui iscritti donano, gratuitamente, il loro sangue un paio di volte l’anno; la Caritas, organismo creato dai vescovi italiani, cui fanno riferimento tutto l’associazionismo e il volontariato cristiano; l’U. F. H. A. (unione famiglie handicappati); l’Auser (autogestione servizi), associazione di volontari per la “terza età”; il “Telefono amico”, un servizio telefonico per tutti coloro che desiderano parlare dei loro problemi e vogliono mantenere l’anonimato; e poi, ancora, associazioni ambientalistiche, Telefono azzurro, Telefono rosa, Comunità terapeutiche per tossicodipendenti, Alcolisti anonimi.
L’aumento costante del numero delle associazioni e delle loro rilevanza dimostra, per fortuna, che la domanda di partecipazione si è moltiplicata in poco tempo, coinvolgendo un sempre maggior numero di persone che s’impegnano in un “privato sociale” e che credono molto nell’affermazione del valore della solidarietà nella società.
Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email