Ominide 50 punti

I numerosi fatti di cronaca inducono ad evidenziare i rischi e i pericoli della tua vita in città. Qual'è il tuo atteggiamento a proposito di questi argomenti?

Da ormai qualche decennio, le città Italiane sono diventate sempre più insicure. Io vivo a Genova quasi nel centro città. Nella mia zona sono frequenti delle azioni di violenza da parte sia di ragazzi giovani, che adulti; ormai la gente non riesce ad uscire di casa ed essese tranquilla senza la paura di incontrare qualche "brutta faccia" in giro. Io sono la prima ad avere paura. Ad esempio: la via di casa mia e un po' isolata rispetto alla piazza centrale, quindi ogni volta che esco di casa mi guardo sempre attorno se ho l'mp3 acceso, lo spengo per sentire ogni minimo rumore e se vedo qualcuno che non mi piace o che mi segue troppo con lo sguardo, cambio subito strada o faccio finta di essere al telefono con qualche mia amica.
Potremmo benissimo dire che la mia è paranoia. In effetti alle volte a furia di fare tutte queste manovre per la strada mi sento un po' stupida, ma sinceramente non ne posso fare a meno. Secondo me la TV e i giornali non aiutano le persone a stare tranquille mentre passeggiano per la strada, anzi, aumentano le loro paure , perché spesso alcuni giornali descrivono in modo molto accentuato i fatti che accadono. Va bene il dover sensibilizzare la gente al problema evidenziando i fatti di delinquenza nella città, ma senza esagerare. La gente, comunque, non può neanche pensare di difendersi come si deve, perché i delinquenti non aggrediscono le persone da soli, ma spesso hanno anche più di un aiuto... Io non riesco ad immaginarmi una donna anziana contro 3 ragazzi magari armati e forzuti.
Un episodio di violenza che mi ha colpito molto, di cui si parla sempre in questo periodo è quello del "Mostro dell'ascensore". Io quest'uomo sono sicura di averlo visto sull'autobus. Me lo ricordo bene perché mi ha seguito fin sotto casa con lo sguardo da dentro l'autobus. Quest'uomo ha stuprato circa 11 ragazze tutte adolescenti e dentro gli ascensori soprattutto nel quartiere dove abito io. Una di queste è anche una mia amica d'infanzia.
A una persona che fa queste cose, si può solo dare il nome di "mostro", perché non è altro che questo una persona che abusa di un minore. Se fossi stata io nella situazione di quelle ragazze, non so proprio cosa avrei potuto fare.
Probabilmente avrei gridato aiuto, avrei provato a liberarmi dalle sue braccia. È sempre difficile provare ad immedesimarsi in queste brutte situazioni. Io sono una ragazza che sta molto attenta a tutto ciò che mi circonda. Come ho già detto prima, faccio di tutto per avere meno contatti possibile con le persone che hanno una faccia che non mi piace. Non voglio rischiare nulla a partire dalla cosa più banale, fino ad arrivare alla più seria.
Bisognerebbe cercare di bloccare questo tipo di "problemi" evitando così tutti i rischi che si corrono ogni giorno in città usando le "maniere forti" contro gli aggressori di tutti i cittadini.
Spero che questo fenomeno di violenze varie si attenui al più presto perché sennò arriveremo al punto in cui non uscireno proprio più di casa. E io sarò la prima!

Registrati via email