Ominide 50 punti

Inventa una storia fantastica d’amore nata in un luogo "ameno"
E’ proprio vero che i giovani di oggi pensano troppo ai divertimenti, ai giochi, al pc e ai cellulari….ma è proprio da qui che nasce la storia che state per leggere….
Era una sera come tante…lei era al computer, navigava in internet in cerca di una canzone che non riusciva a trovare,e intanto parlottava con i suoi “amici virtuali”…amava molto la chat e chiedendo in giro, nessuno si offrì di aiutarla…tranne lui….”qualcuno mi aiuta a trovare una canzone?” ecco che arrivò un messaggio..”eccomi,ci sono io…dimmi tutto”lei contentissima scrisse il titolo di quella che,senza saperlo, sarebbe diventata la loro canzone…”Si chiama così…mi aiuti?”e questo fu l’inizio…iniziarono a conoscersi….si descrissero…lui 25 anni…alto,occhi verdi,capelli castani….simpatico….e soprattutto single…
Lei 15 anni, liceale, alta bionda occhi castani…e anche lei single!!!
Il loro discorso andò avanti, con una descrizione di dettagli un po’ più interessanti di quelli fisici. Diedero inizio infatti a raccontarsi gli hobby, gli interessi, le storie andate male, il perché della loro solitudine in campo sentimentale…e soprattutto il loro carattere,i loro obiettivi, i loro pensieri….e tutto questo…li spinse sempre di più a riscontrare la loro somiglianza in tutto!Da qui iniziarono per gioco a dire di essere fatti l’uno per l altra…
La storia andò avanti per giorni,non vedevano l’ora di potersi “rincontrare”,di poter parlare per scoprire sempre più dettagli che tanto li accomunavano…
Finalmente arrivò il momento di scambiarsi le foto!Che momento emozionante poter finalmente vedere come erano fatti e se erano come si immaginavano!
Si!!!Effettivamente sembravano fatti l’uno per l’altra…si piacevano!!!E non poco!!! “Che fortuna”,pensò lei, “dall’altra parte del monitor c’è un ragazzo meraviglioso,bello e con un carattere interessante!”;mentre lui da parte sua pensava: “peccato!quanti anni di differenza ci separano!E’ così una bella ragazza…e com’è dolce!!!”.
È vero!L’unico intoppo era l’età…più di quanto lo fosse la lontananza!
Dopo un momento estasiante,in cui lui e lei guardavano rispettivamente le foto dell’altro/a…PUF !!
La realtà tornò a prendere il sopravvento!Eh si…dovevano rimanere con i piedi per terra, pensare che non era facile far nascere qualcosa, potevano solo sognare e…SPERARE!
I giorni passarono e l’unico pensiero nella mente dei due era:“Che strano!Una canzone ci ha fatti conoscere, chissà se il destino ha in serbo per noi magari una bella storia d’amore…o solo un’amicizia speciale!”.
Ma intanto un giorno si scambiarono anche il numero di telefono e…grazie a quello scambio, lei un pomeriggio ricevette un messaggino… “piccola dopo ti chiamo…devo dirti una cosa importante!”
Arrivò sera…il telefono squillò…era lui….”vengo nel tuo paese con un collega per tutto il week-end!”era questa la notizia!non le sembrava vero..quel ragazzo che tanto l’aveva incuriosita andava a trovarla?Lì…nel suo paese???Nel frattempo, entrambi felicissimi e soprattutto impazienti, iniziarono a fantasticare su quello che si sarebbero detti…su cosa avrebbero fatto….se sarebbero riusciti ad incontrarsi…
Ben presto tutti questi dubbi furono risolti… arrivò la sera tanto aspettata…si incontrarono…..per un attimo non si riconobbero….erano così diversi dalla foto…lui pensò “com’è bella!”….lei pensò la stessa cosa……non riuscivano a staccarsi gli occhi di dosso…erano imbarazzati…tanto da essersi scordati gli amici che avevano portato con loro!
La serata proseguì con tante foto,tante risate,tanti momenti indimenticabili che segnarono la mente di lui e il cuore di lei…che per essere dolce…gli lasciò il suo piccolo portafortuna…
Quanta complicità, quante cose in comune, quanta voglia di conoscersi…..ma purtroppo solo pochi giorni per quella felicità,e tutto volò cosi in fretta…ognuno doveva ritornare alla propria realtà.
Così lui partì…!Ma continuarono a pensarsi, continuarono a sentirsi, a chattare, a telefonarsi…si legarono tantissimo…e forse troppo!Ci fu un tira e molla continuo…lui cercava di allontanarsi…di diminuire le telefonate…gli squilli…era chiaro: non voleva illudere quella”piccola peste”che gli aveva fatto perdere la testa….ma nonostante questo,era difficile stare senza sentire quella vocina che ogni tanto rimaneva in silenzio per timidezza…eppure doveva farcela!Si,erano troppi gli ostacoli che li separavano….l’età,la lontananza…lei non lo capiva più…lo amava troppo per rinunciarvi.La loro era un’amicizia stupenda…non potevano stare insieme…anche se lo desideravano tanto…
Dopo 3 mesi finalmente lui si dichiarò….una grande conquista che era costata tante lacrime e tanta sofferenza…
Ma qualcosa andò storto…infatti, la sera di natale…lui…inspiegabilmente fece una cosa contrastante rispetto a quello che aveva detto sere prima. Chiamò quella “piccola peste” e le disse di essersi fidanzato…NO!!!Lei non poteva crederci.. era distrutta, ma fu capace di non farglielo capire…cercò di stargli lontana con tanta tanta difficoltà. E visse con la difficile speranza di rivederlo…

Registrati via email