Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

L'inquinamento

Tema svolto sull'inquinamento: cause ed effetti e la necessità di una economia ambientalmente sostenibile

E io lo dico a Skuola.net
Tema sull'inquinamento: cause ed effetti
Ancora oggi l’umanità è ben lontana dal raggiungere il suo obiettivo principale: “una economia mondiale ambientalmente sostenibile con un uso razionale ed equo delle risorse”. Purtroppo l’economia è la sola realtà che conta in questa nostra società dei consumi ed è alla base del degrado ecologico in cui viviamo oggi. Essa è anche la ragione prima che spinge gli uomini a viaggiare da un angolo all’altro della terra, per riempire le loro tasche, e che ha portato gli stessi Capi di Stato a riunirsi più volte per cercare di risolvere questo scottante problema. I loro imperativi, ufficialmente, sono “integrare le strategie ambientali e le politiche economiche; considerare l’interdipendenza tra il benessere dei popoli e quello del mondo biologico; limitare i consumi; conservare le biodiversità; frenare l’aumento demografico. Resta ancora irrisolto l’interrogativo più interessante: quando queste belle frasi verranno messe in pratica?
Orami a pochissimi giorni dall’alba del 2000 il mondo sembra guardare al nuovo millennio con un unico sentimento: ottimismo responsabile. In alcune zone dei paesi Occidentali molti parametri ambientali stanno decisamente migliorando: il tasso di inquinamento tende a stabilizzarsi, e talvolta a diminuire, e le foreste a recuperare terreno. I problemi ecologici più gravi si stanno spostando verso il Sud del mondo, dove i parametri ambientali dei paesi in via di sviluppo, dove risiede l’80% della popolazione globale e dove, nei prossimi decenni, nascerà la maggioranza dei bambini, vanno sempre più a peggiorare.
Si prospetta, così, lo scenario di un mondo composto di una serie infinita di “tasselli” con situazioni ambientali diverse, come un disastroso mosaico.
L’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera, mantenendo i ritmi attuali, tra tre anni sarà superiore al 15% ed il mondo dovrà affrontare il cambiamento climatico dovuto al riscaldamento del pianeta, che causerà alluvioni, siccità e incendi, come già accade in Sud Asia.
Questo cambiamento del clima, per altro già in atto, non è causato solo dall’aumento dell’emissione di anidride carbonica e di gas di scarico, generati anche dai combustibili fossili, nell’atmosfera: esso è aggravato dalla deforestazione in atto nell’America tropicale. Le grandi industrie “rubano” alberi secolari per trasformarli in infissi e parquet di lusso per i paesi sviluppati, noncuranti del fatto che la foresta tagliata non ricresce più perché si altera il suo equilibrio e si distrugge l’intero ecosistema che vi gravita intorno, animali e uomini compresi.
Ogni anno distruggiamo migliaia di specie viventi, animali e vegetali, preziosissimi per tutti gli esseri che vivono sull’intero pianeta terra. Negli ultimi anni sono aumentate le aree protette, ma anche le specie in via di estinzione; per proteggere la biodiversità bisogna ridurre la crescita demografica e l’estrema povertà del Sud del mondo e l’eccesso di consumi del Nord.
Il problema dell’aumento demografico planetario è sul tavolo delle priorità da molti anni, ma solo da poco tempo ci si è resi pienamente conto del legame imprescindibile tra la crescita della popolazione ed il degrado sociale ed ambientale. Come fare? Forse riducendo le disparità sociali ed economiche, soddisfacendo i bisogni primari dei paesi sottosviluppati: educare, dare forza, formazione e potere alle donne; assicurare assistenza sanitaria ed opportunità economiche; sfamare e portare cultura e tecnologie moderne; non brutali programmi di contraccezione e sterilizzazione forzata (come in Cina), ma progetti di ampio respiro. In una parola: “dare”, e non soltanto “prendere”. E quando anche dall’Africa arriveranno dati confortanti sulla scolarizzazione, sull’assistenza, sullo sviluppo, specie per chi oggi vive in condizione di estrema debolezza, come le donne e i bambini, potremo dire di essere sulla strada giusta per risolvere questo problema.
Se ci riusciremo potremo lavorare anche sull’altro, quello dell’emigrazione dal Sud del mondo verso i paesi sviluppati. L’emigrazione è causata, però, anche da guerre e calamità naturali, oltre che dalla fame e dall’insicurezza socio-economica: ma se risolveremo il problema del sottosviluppo gli altri si risolveranno di conseguenza. Non dobbiamo trascurare il fatto, però, che anche la distruzione radicale degli ambienti sta spingendo e spingerà masse di uomini, popolazioni intere, a fuggire dai propri luoghi d’origine per riversarsi nei paesi “civilizzati” alla ricerca della stabilità economica o della speranza di un futuro.
Ma anche in questi paesi il futuro non è certo “roseo”: pesticidi, irrigazioni forzate, piogge acide, monocolture, immissioni di gas velenosi nell’atmosfera, cementificazione, ecc., stanno accelerando il processo di sterilizzazione del suolo. Il petrolio, poi, altamente inquinante, sta esaurendo le sue scorte e l’economia si avvia a periodi di crisi.
Non dimentichiamo poi le “nuove malattie” del 2000, l’AIDS, Ebola e chissà quanti altri agenti patogeni, scaturiti dalla foresta pluviale, che rapidamente si stanno diffondendo in tutta la popolazione mondiale. E’ alquanto indicativo il fatto che questi virus si siano generati nelle zone più ecologicamente disastrate e sovrappopolate del nostro pianeta, l’Africa centrale e tropicale; in un certo senso si potrebbe dire che la terra stia creando una risposta immunitaria al virus della razza umana. Come se volesse reagire ad un parassita, al cemento che la invade distruggendo la flora, al cancro della densità abitativa delle città, ai veleni che si diffondono nell’aria e al suo interno, la terra combatte una strenua battaglia contro la malattia chiamata “uomo”.
L’unica soluzione è “fare pace con l’ambiente, fare pace con l’uomo”, anche se tutta la storia del genere umano ci mostra quanto sia sempre stato difficile per l’uomo vivere in armonia con il proprio ambiente e con i propri “vicini”.
La sfida del futuro sarà anche l’energia pulita: riusciranno i nostri figli, su cui ricade, purtroppo, questa triste eredità, a dare più spazio al sole, al vento, all’acqua, alla geotermia? Il futuro dell’umanità si giocherà tutto nel trovare l’energia per accendere una lampadina che illumini il mondo sulla via della guarigione.
Contenuti correlati
Registrati via email