Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Biotecnologie e OGM

Temi svolti sulle biotecnologie e sulla produzione di organismi geneticamente modificati

E io lo dico a Skuola.net
Le biotecnologie e la produzione di organismi geneticamente modificati (OGM)

Svolgimento:
Le biotecnologie ed in particolare l'introduzione di organismi geneticamente modificati (OGM) pongono numerosi problemi sia per quanto riguarda la tutela della salute che le conseguenze economiche connesse alla loro diffusione.
Molte persone considerano gli OGM un potenziale pericolo per la salute, in quanto la modificazione genetica di una pianta ad uso alimentare potrebbe comportare potenziali effetti collaterali nocivi per l'uomo, quali reazioni allergiche, tossicità e resistenza agli antibiotici. Nessun scienziato, infatti, non potrà mai affermare con assoluta certezza che questi organismi non costituiscono un rischio per la salute e, quindi, non esistono risposte certe sugli effetti dell'uso delle biotecnologie.
D'altra parte, va considerato il beneficio collegato all'introduzione di queste piante geneticamente modificate in ambienti climaticamente sfavorevoli ed in zone con una produzione agricola nettamente insufficiente al fabbisogno nazionale; questi vegetali, infatti, hanno la capacità di resistere alle alte temperature, alla siccità ed ai parassiti e potrebbero, quindi, risolvere il problema della fame nei Paesi dell'Africa e dell'Asia. In questi casi, il beneficio sarebbe senz'altro superiore al rischio, in quanto ogni anno la sottonutrizione e la fame provocano milioni di morti, mentre non sono stati rilevati casi legati all'impiego di OGM.
Va, infine, considerato, l'aspetto propriamente economico, cioè gli enormi guadagni derivanti dalla biotecnologie ed, in particolare, quelli connessi allo sfruttamento dei "brevetti biotecnologici".
Da quando,nel 1980, è stato riconosciuto il "diritto di proprietà intellettuale" sugli organismi geneticamente modificati, le multinazionali ed i maggiori laboratori del mondo hanno intensificato le ricerche e gli investimenti, poiché la titolarità di un brevetto biotecnologico dà diritto allo sfruttamento esclusivo del materiale prodotto, riuscendo così a monopolizzare un'intera catena produttiva.
Contenuti correlati
Registrati via email