Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Progresso tecnologico

Tema svolto sul progresso tecnologico: le riflessioni di un giovane occidentale che vive in una condizione di benessere

E io lo dico a Skuola.net
Il Progresso Tecnologico
Il progresso scientifico e tecnologico ha raggiunto oggi un notevole sviluppo. Esso ha apportato miglioramenti considerevoli nella vita dell'uomo, ma ha provocato pure un'alterazione dell'equilibrio naturale, i cui effetti potrebbero essere catastrofici in un prossimo futuro. Analizza questi due aspetti e concludi esprimendo una tua opinione in merito al problema.

La storia ci insegna che l'uomo, non ha mai smesso la sua avanzata tecnologico-scientifica. All'inizio non disponeva di nessuna delle comodità che oggi conosciamo: i nostri antenati si riscaldavano mediante i corpi altrui e si coprivano con pelli di animali. Da questo stato sono poi passati ad utilizzare il fuoco; dal fuoco si è capito che era meglio ripararsi nelle grotte, dalle grotte si è passati ai vestiti, dai vestiti al bronzo, al ferro, all'acciaio, per poi arrivare lentamente a costruire palazzi, grattacieli e macchine.
Tutto questo, secondo la mia opinione, è abbastanza naturale, perché è nell'animo umano cercare di rendersi la vita il più comoda possibile: non scordiamo che l'essere umano è l'unico essere che non ha protezioni naturali, a differenza degli animali, che sono muniti di scaglie, zanne e corazze naturali, che li rendono adatti a vivere nel loro habitat, anche in quello più selvaggio. L'uomo, al contrario, è fragile e debole e per questo deve cercare di bilanciare questa "carenza naturale" con la sua intelligenza che gli permette di costruire e inventare nuove cose oltre che modellare l'ambiente circostante alle sue esigenze.

Mediante la propria intelligenza, l'uomo ha creato dal nulla ciò che mancava per natura: qualcosa che lo aiutasse nello spostarsi velocemente, qualcosa che lo facesse volare, che permettesse lui di mangiare ciò che la natura gli dava e qualcosa che proteggesse la sua pelle fragile dalle intemperie e dai nemici.
Potremmo dire che la nostra vita si sta riempiendo sempre più di cose inutili, superflue ed esageratamente comode (nonostante questo ci faccia piacere) e come ogni cosa che viene riempita troppo, finirà per esplodere.

La modernizzazione, purtroppo non è equamente divisa nel mondo: le innovazioni tecnologiche non riguardano tutto il pianeta, esistono molti luoghi (l'Africa, per esempio), in cui la popolazione non vive nel benessere tecnologico del quale noi, più fortunati, godiamo ogni giorno. Come in tutte le cose, anche nel campo tecnologico, gli eccessi sono nocivi: troppa tecnologia è dannosa, allo stesso modo di come è dannosa la sua più completa assenza. Basti pensare all'incremento dei fattori di rischio tumorali per via dell'esposizione alle radiazioni elettromagnetiche, oppure all'incremento di malattie cardiovascolari dovute all'eccesso di alimentazione unito alla vita sedentario.

Di contro temo anche che la crescita e la povertà tecnologica nel nostro globo terrestre sia proporzionale: più una parte del mondo si tecnologizzerà e più la parte opposta cadrà "nell'abbandono totale".

Per quanto mi riguarda, trovo che la tecnologia sia un bene. Sono sincera, non riuscirei a vivere senza tante comodità del mondo a cui appartengo. Non riuscirei probabilmente a fare a meno del cellulare, del computer, delle discoteche, delle macchine o di molte altre cose.

Sono contenta d'essere nata in questa parte del mondo e di poter godere del bene che mi viene messo a disposizione e molte volte penso che tra pochi anni vedrò crescere in modo esponenziale la tecnologia di cui ora usufruisco e che mi sembra già così avanzata.
Contenuti correlati
Accedi con Facebook
Registrati via email