DONAZIONE DI ORGANI
I progressi della scienza consentono oggi di operare interventi straordinari ed un tempo inimmaginabile per la sopravvivenza e una migliore qualità di vita di individui altrimenti destinati a morire. Rifletti sugli aspetti umani, sociali ed etico-giuridici connessi alla donazione e al trapianto di organi. Il trapianto di organi è un estremamente complesso che comporta la sostituzione di un organo compromesso nelle sue funzioni con un altro.

SVOLGIMENTO

Il trapianto di organi può essere fatto con organi interi oppure tessuti in particolare e possono essere realizzati attraverso l'asportazione di organi da persone già " clinicamente decedute " o da persone ancora vive. Inoltre oggi è possibile il trapianto di organi e tessuti da organismi animali grazie all'ingegneria genetica. Ma c'è ancora un tipo di trapianto in fase di sperimentazione molto avanzata, ovvero il trapianto da " clone ", che sta ultimamente facendo scaturire numerose polemiche.

Una discreta percentuale dei cittadini italiani tra cui persino medici, dicono che sono contrari all'asportazione dei propri organi o degli organi di un parente deceduto a tal punto che: alcuni hanno preferito lasciar morire altri pur di non donare loro l'organo dello zio ormai defunto, perché? Beh, perché fa ribrezzo pensare di andare a portare i fiori a un corpo martoriato, ma se non imbalsamato, secondo me, difficilmente un corpo dopo morto potrà stare tanto tempo intatto; altri hanno preferito lasciare il proprio vicino di casa al suo destino, dopo ben trent'anni di presunta amicizia, solo perché " ultimamente da vivo ", gli stava antipatico; o addirittura, medico-chirurghi che si astengono dall'operare pazienti in avanzato stadio terminale per via puramente religiosa. Sinceramente, non capisco perché una persona decida di diventare medico-chirurgo se la propria religione gli impedisce di compiere alcuni atti e non capisco perché una persona possa essere tanto avara da lasciar morire una vita umana per un organo che tanto non potrà servire più a nessuno.
Essendo solo mia la responsabilità non avrei alcun problema a donare un organo di un mio parente, a meno che, prima di morire, non sia già stato chiaro e conciso che non voleva donarne nemmeno uno. Preferisco decidere di donare, una volta morto, tutti i miei organi e pensare che una parte di me sia ancora viva e sia servita ad aiutare una vita umana, piuttosto che lasciarli marcire e deteriorare sotto due metri di terra.

Registrati via email