Ominide 284 punti

Un racconto fantastico

Ogni sera la signora Rita, anziana e sola, passeggiava nel parco con il suo cane Lilly, e incontrava spesso due ragazzi innamorati, Nadia e Francesco, durante loro solita passeggiata romantica.
Anche quella volta la signora Rita scambiò qualche parola con loro, e tutto sembrava nella normalità, anche se la signora percepì una strana sensazione, come se stesse per accadere qualcosa di terribile. Non diede molta importanza alla cosa e salutò la giovane coppia ma, tornando a casa, la brutta sensazione rimase.
La sera successiva, ritornata al parco per la sua passeggiata, subito notò l'assenza dei due ragazzi.
Preoccupata, ripercorse più volte la stessa strada per incontrarli, ma di loro nessuna traccia. Per altri giorni, ogni sera, la signora Rita li cercò durante il suo tragitto, ma non li trovò.
Passando vicino ad un edicola, comprò un giornale locale e scoprì che i giovani erano scomparsi, spariti proprio poco dopo averla incontrata al parco qualche giorno prima.

Erano già in corso le indagini, ma la polizia non aveva ancora scoperto nulla.
La donna rimase sconvolta dalla notizia: pensò di andare alla polizia, ma era confusa e dubbiosa, così decise di continuare la sua passeggiata e ritornò al parco con il cane.
Sentì il desiderio di sedersi nella panchina dove ogni sera si sedevano i giovani innamorati, ma una volta arrivata, vide che la panchina non c'era più. In quel punto, al suo posto, era cresciuto un albero.
La signora Rita rimase perplessa e, pensò di essersi confusa. In realtà non era il luogo sbagliato: era cresciuto un albero al posto della panchina e, guardandolo meglio, Rita si accorse che si trattava di due tronchi intrecciati.
Stupita da quella visione, non credeva ai suoi occhi... strofinò, pulì gli occhiali e osservò più attentamente, ma quando i due tronchi assunsero quasi l'aspetto umano, la vecchia signora si lasciò sfuggire un urlo a metà tra la paura e
la sorpresa: erano proprio Nadia e Francesco. I due ragazzi sarebbero stati così uniti per sempre, e il loro amore sarebbe stato custodito in eterno da quel parco.
Ogni sera, la signora Rita passeggiava e ripassava vicino a quel luogo incantato, sapendo dentro di sè che quei due alberi fossero in realtà i ragazzi scomparsi.

Registrati via email