LA CITTA' IDEALE

La mia città ideale è una vera e propria utopiA che molto probabilmente non si realizzerà mai, ma poiché sognare non costa nulla è opportuno iniziare a immaginare un mondo migliore.
Lasciamo i libri di fantascienza, macchine volanti e miniere pieni d'oro, la città ideale dovrà rispondere semplicemente alle esigenze di ogni singolo cittadino e solo così sarà perfetta.
Ritengo che nel mondo non ci sia ancora nessuna città ideale, ma probabilmente prendendo un elemento positivo da ogni città si potrebbe realizzare questo progetto. Ad esempio: i mezzi trasporto di Londra, le scuole della Svezia, l'integrazione degli Stati Uniti, sicurezza della Norvegia, i paesaggi dell'Italia .
Alla base di una città ideale ci dovrà essere un progetto valido, in cui i territori siano rispettati e sfruttati in modo consapevole al fine di evitare tragedie come elezioni. Andranno dunque puniti coloro che remano contro questo progetto, costruendo dove non si può ore realizzando luoghi di interesse pubblico con materiali di bassa qualità. Velocità radiale poi dovrà essere aperta a tutto e a tutti: stranieri disabili bambini anziani e lavoratori. Ogni cittadino dovrà trovarsi a suo agio e dispone di tutti servizi ugualmente. Ad esempio per uno straniero sarà importante imparare una lingua, per un disabile rampe sui marciapiedi e un bambino parti e per un lavoratore mezzi trasporto veloci ed efficienti , per un'anziana negozi vicini e forniti. Tutto questo andrà realizzato sotto la supervisione di gente affidabile che non pensi solamente.

Per migliorare tutti i servizi, bisognerà essere disposti ad orizzonti e guardare positivamente alle innovazioni.
Alla base della città ideale è necessario inoltre avere un benessere economico per permettere il finanziamento di opere e progetti senza il denaro infatti una città non sarà mai serena poiché sarà necessario ridurre mezzi trasporto o la manutenzione dei parchi. Una città ideale deve poi stimolare la creatività delle persone e invogliare persone a coltivare nuovi interessi. Promuoverei dunque corsi di lingua, di informatica e diverse discipline sportive. Per agevolare la partecipazione sarà importante realizzare una fitta rete di trasporti pubblici gratuiti e veloci che tocchino tutte le aree della città. Inoltre nella vita ideale è necessario che tutti abbiamo un lavoro per evitare furti o atti criminali. Allo stesso modo per mantenere la città fiorente bisognerà investire sui giovani che rappresenteranno il futuro. costruire dunque scuole moderne, con laboratori nuovi ed efficienti, in cui ognuno può seguire lezioni che più lo appassionano oltre ad una cultura di base. In tal modo i ragazzi saranno stimolati maggiormente.
Per quanto riguarda la partita fisica mi piacerebbe una città con grande spazi verdi , in cui ci siano molti luoghi di ritrovo e tutti i quartieri siano vicini al centro della città. Cosicché la gente possa partecipare maggiormente alla vita cittadina con piste ciclabili e itinerari culturali. Se poi avessi una bacchetta magica mi piacerebbe vivere in una città ottimista perché solo così sarà più produttiva.

Registrati via email